Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

05/01/2010
Napolitano: riforme? Sì, ma... (di Gianni Ferrara)


Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una. O tale ministro ha rivelato un bassissimo profilo per non aver capito l’essenza ed il valore del principio ideale, politico e giuridico su cui si fonda la Repubblica o ha voluto manifestare disprezzo per tale principio che, peraltro, vorrebbe cambiare con gli slogan nefasti dell’assolutismo liberista. Si è quindi di fronte o alla clamorosa inidoneità di un titolare a coprire la carica pubblica cui è preposto o ad un ministro che giura fedeltà alla Costituzione ma ne rinnega il principio supremo. In un Paese serio a tale dichiarazione seguirebbe l’immediata sostituzione di tale ministro, per dimissioni impostegli dal Presidente del consiglio che lo propose o per sfiducia individuale votatagli da una delle due Camere. Da noi quindi non gli sarà chiesto di dimettersi, non gli si voterà la sfiducia individuale.
Nel nostro Paese si vorranno fare, invece, le riforme istituzionali. Con una maggioranza che esprime un tal ministro dovrebbe sembrare impossibile. Ma la “disciplina repubblicana” cui richiama il Presidente della Repubblica impone che ci si provi. Per la verità, il Presidente Napolitano, col rigore consueto, ha chiarito che deve trattarsi di “revisioni” costituzionali, non degli stravolgimenti blaterati anche di recente. Il che, in senso tecnico, significa che debbano essere modifiche da adottare con la procedura prevista nella stessa Costituzione evidentemente per far sì che si inquadrino nello stesso contesto. Ha così escluso espedienti che si distacchino dalla Carta costituzionale. Se ne distaccano, oltre che nell’ispirazione, nella forma, che non è orpello, ma rispetto della giusta dimensione degli ambiti, è rispetto delle regole, è senso del diritto, è perciò limite al potere, quel senso che fu impresso alla nascente Repubblica da Enrico De Nicola giustamente ricordato da chi ne è lo scrupoloso successore.
Ed è dei limiti del potere che si tratta quando si pone l’esigenza di revisioni costituzionali. Perciò Napolitano li ha ricordati il 31 dicembre. Quanto a materie, indicando come legittimo campo nel quale si può esercitare il potere di revisione solo quello della Seconda Parte. Quanto a finalità, e quindi ad estensione di tale potere, ha ribadito l’essenzialità che, in un “rinnovato ancoraggio a quei principi che sono alla base del nostro stare insieme come nazione siano sempre garantiti equilibri fondamentali tra governo e Parlamento, tra potere esecutivo, potere legislativo e istituzioni di garanzia e che ci siano regole in cui debbano riconoscersi gli schieramenti di governo e di opposizione”.
Emergono con estrema chiarezza ambiti e vincoli, possibilità e preclusioni. Se, ad esempio, per il potere di revisione è disponibile l’estensione numerica della rappresentanza, se è disponibile la questione del bicameralismo, se è disponibile, in particolare, la composizione della seconda Camera - qualora la si volesse mantenere come rappresentativa delle realtà territoriali diretta o istituzionalizzata nelle Regioni-enti - non è disponibile certo l’effettiva rappresentatività della democrazia italiana. Né è disponibile il grado di indipendenza e di autonomia delle Magistrature ordinaria, amministrativa e contabile e del pubblico ministero. Tanto meno è modificabile il delicatissimo equilibrio tra le esperienze giuridiche espresse dalle tre derivazioni dei giudici costituzionali. Se è disponibile il rapporto tra Presidente del Consiglio e ministri, non è disponibile, invece, la forma di governo. Non lo é quanto al ruolo di garanzia che esercita e deve esercitare il Presidente della Repubblica nella dinamica istituzionale, cioè nel farsi dell’indirizzo politico e nelle relazioni con gli altri organi costituzionali. E non può degradare di un millimetro, per non rompere l’equilibrio che deve essere di pari ordinazione tra Parlamento, governo, magistrature, Corte costituzionale e Presidenza della Repubblica. Altro, quindi, bel altro che premier delegato dal popolo ad esercitarne la sovranità. Così come non è per nulla disponibile la forma di governo, quanto a rapporto di fiducia tra rappresentanza parlamentare della Nazione e governo. Rapporto di fiducia che può essere razionalizzato (già lo è e non si vede come potrebbe esserlo di più). Razionalizzato ma non mistificato, spezzato, capovolto, come è diventato con la legge elettorale costituzionalmente aberrante anche se vigente per grave acquiescenza dell’allora Presidente Ciampi. Deve restare e consolidarsi il rapporto di fiducia. Perché non può essere oggetto di revisione costituzionale, ai sensi dell’articolo 139 della Costituzione, la forma parlamentare della Repubblica. Lo ha riconfermato il corpo elettorale il 24-25 giugno di tre anni fa. Dovrebbe bastare se si avesse effettivo rispetto per la volontà popolare ribadita dai sondaggi più recenti sull’adesione vasta e profonda alla Costituzione della stragrande maggioranza degli interpellati. Dal che si potrebbe anche dedurre che le riforme costituzionali interessano solo il ceto politico. Ma si deduce certamente che quasi il 90 per cento degli italiani dimostra maggiore saggezza e maggiore sensibilità costituzionale sia dei pasdaran dell’acclamazione del capo, sia di chi si appresta a pasticciare ibridazioni più o meno disgustose e sicuramente disastrose delle due forme di governo.
Staremo a vedere, vigilando ed informando. È in gioco l’avvenire delle future generazioni, la nostra dignità civile.
Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics