Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

15/01/2010
L'ircocervo costituzionale (di Gaetano Azzariti)



“Modificare una costituzione non è impresa minore del costruirla per la prima volta”: agli albori della civiltà giuridica occidentale era Aristotele a dirlo, eppure ancora non sembra ascoltato. Il dibattito sulla riforma della nostra costituzione, infatti, si sviluppa tutto entro una dimensione semplificata e superficiale, giocata esclusivamente in base alle convenienze politiche del momento. Ciò che sembra sfuggire è la natura stessa del testo che si vorrebbe cambiare: non una legge qualunque, bensì quell’insieme di norme che valgono a definire i principi fondamentali su cui si legittima una comunità politica e sociale. E’ per questo che cambiare una costituzione, vuol dire cambiare la propria visione del mondo, almeno con riferimento ai rapporti politici dominanti, ai diritti e ai poteri dei singoli.
Ciò imporrebbe che il dialogo sulle riforme si incentrasse essenzialmente sugli “orizzonti costituzionali” dei diversi soggetti politici. Solo ove questi fossero tra loro compatibili si potrebbe utilmente tentare di giungere ad un nuovo compromesso costituzionale, modificando gli equilibri esistenti.
Ed è proprio su questo piano, trascurato dal dibattito politico e giornalistico, che si annidano le maggiori insidie: opposte sono infatti le finalità costituzionali che vengono perseguite, tramite un insieme composito di proposte che investono il piano costituzionale, ma anche quello dei regolamenti parlamentari e della legislazione ordinaria; diversi e distanti i modelli di società politica che si vogliono affermare. Da un lato, il tentativo di pervenire ad un ulteriore accentramento dei poteri e parallela compressione dei diritti e degli spazi di discussione democratica, dall’altro, un opposto disegno che tende a riconquistare un equilibrio tra i poteri che valga a diffondere diritti e spazi di partecipazione nella gestione della cosa pubblica.
Da una parte c’è l’insistenza sull’attribuzione di maggiori poteri al Premier e al Governo. Un dominio dell’esecutivo che appare già sin troppo invasivo, come ci ricorda orami quotidianamente il Presidente della Camera, nel tentativo di difendere un ruolo - ormai perduto - anche per il Parlamento. Un Parlamento che è stato ucciso dal peso dei decreti legge del Governo, dalle fiducie richieste dal Governo, dai maxiemendamenti proposti dal Governo, dalla ossessione decidente imposta dai regolamenti parlamentari, dalla sfigurazione della rappresentanza politica determinata dalle leggi elettorali. Eppure non contenti si vuole adesso un ulteriore rafforzamento dei poteri dell’esecutivo.
Poiché la “contesa” con il legislativo, a questo punto, è vinta (francamente è difficile immaginare un ulteriore indebolimento di un Parlamento cui, ormai, hanno sottratto l’anima), il nuovo fronte è chiaramente un altro: si tratta ora di invadere le competenze degli organi di garanzia, che ancora non appaiono essere stati sconfitti dall’armata governativa. Dunque, elezione diretta del Premier al fine di sottrarre al Presidente della Repubblica il suo ruolo di arbitro del grande gioco politico: il passaggio ventilato a una forma di governo presidenziale è oggi più che mai la frontiera più avanzata del nuovo assolutismo. Ridefinizione, poi, dei rapporti tra politica a magistratura, ove i gravi problemi della giustizia non sono affrontati al fine di rafforzare le istanze garantistiche e di difesa dei diritti dei cittadini, bensì esclusivamente in base al presupposto che le sfere della politica devono essere tenute ben separate (“immuni”) da ogni possibile interferenza con la giustizia. Anche in questo caso è il rafforzamento dell’autonomia del politico – e in esso in particolare del Governo e di chi lo presiede – ad essere il faro della riforma costituzionale perseguita.
A fronte di questa visione costituzionale se ne intravede un’altra distinta, incompatibile, opposta: quella che tende a frenare la degenerazione prodotta dalle trasformazioni del sistema politico e dei partiti, dalla legislazione ordinaria e dalle modifiche dei regolamenti parlamentari che si sono succeduti negli ultimi due decenni. Un tentativo di pervenire ad un nuovo “equilibrio” istituzionale, ridando ruolo al legislativo, come sede del compromesso politico, della rappresentanza e centro della legislazione. La riduzione del numero dei parlamentari, da differenziazione dei poteri delle due Camere, la limitazione dei poteri del Governo in Parlamento, la riacquisizione di un minimo di dialettica tra maggioranza e opposizioni nel corso dell’attività legislativa, la stessa modifica della legge elettorale, sono tutte misure (costituzionali, regolamentari e ordinarie) che possono rianimare un potere parlamentare, il quale, secondo i principi del costituzionalismo democratico moderno, dovrebbe godere di un suo primato e si afferma essere il principale controllore politico dei governi in carica. Ma anche l’efficienza del sistema giudiziario può essere immaginata per rafforzare i controlli, oltre che sui diritti dei cittadini, anche sul Governo e sull’esercizio del potere. Sebbene questo oggi nessuno ha il coraggio di dirlo e dunque non vi è traccia di un rafforzamento per via costituzionale dell’autonomia e indipendenza dell’ordine giudiziario. Così come non è facile scorgere tracce di proposte che tendano a rafforzare i poteri di garanzia del Capo dello Stato, che in una fase di turbolenze istituzionali come quelle che abbiamo vissuto, e ancora vivremo, sarebbe invece opportuno immaginare. In chiave di nuovi equilibri democratici, appunto. Questa seconda appare, dunque, una prospettiva costituzionale monca, ma non assente nel dibattito corrente.
Una domanda sorge allora spontanea: la strategia dell’amore, ovvero quella dell’inciucio, saranno in grado di conciliare le due distinte visioni costituzionali? La mia risposta è la seguente: in natura tutto è possibile, ma la costituzione che nascerà in questo caso sarà un mostro immondo, anzi – per tornare ad Aristotele – un ircocervo. Quella figura mitologica che il padre della filosofia classica utilizzava per dimostrare come fosse possibile sapere di cosa si parla (la riforma costituzionale, nel nostro caso), senza però poter risalire alla sua essenza.
Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics