Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

17/02/2010
L’eccezione e il sovrano. Quando l’emergenza diventa ordinaria amministrazione (di Gaetano Azzariti)



Montesquieu meglio di ogni altro spiega le disavventure giudiziarie di Bertolaso. Sin dal 1748 il teorico della divisione dei poteri ci ha, infatti, chiarito che “solo il potere arresta il potere”, mentre il sistema della protezione civile si fonda sull’opposto principio del potere libero di intervenire senza assoggettarsi o essere limitato da altri. Perché, allora, stupirsi se ora si verifica che questo è stato esercitato senza freni? Ci si è affidati agli uomini (della protezione civile) e non alle leggi vigenti: ma è ben noto che ciò comporta il rischio dell’assolutismo. I caratteri delle persone - la loro lealtà e correttezza ovvero la loro propensione a delinquere - in questo caso c’entrano poco o nulla. Un potere senza controllo non può che fuoriuscire dalla legalità normativa. “Il potere assoluto corrompe assolutamente”, spiega ancora Montesquieu. Anche Cesare in fondo era un leale servitore di Roma e ad essa aveva dato prestigio e gloria, ma ciò non toglie che, quando ha preteso poteri assoluti, ha corrotto il sistema giuridico romano e si è perduto, trasformando la repubblica in una dittatura, cui si è potuto porre fine solo in modo tragico.
D’altronde una ragione per porsi al di sopra della legge ordinaria c’è (sin dai tempi di Silla e Cesare): è l’emergenza e la salvezza della res publica. Dinanzi alle calamità naturali che pongono in concreto e immediato pericolo la vita dei consociati, quando è in gioco la sopravvivenza della repubblica è possibile conferire poteri straordinari, per il tempo limitato e al solo scopo di superare lo stato di necessità.
La domanda di fondo per comprendere la vicenda che ha coinvolto l’osannato sistema di protezione civile italiano è allora la seguente: i poteri “fuori controllo” sono stati conferiti per ragioni eccezionali e per la difesa di vite, beni e cose essenziali alla popolazione e per la salvaguardia del sistema democratico italiano?
Può discutersi se in origine la legge che ha istituito la protezione civile (n. 225 del 1992) si sia in effetti ispirata alla legge dell’eccezione e alla figura della dittatura commissaria necessarie per fronteggiare una situazione di pericolo estremo. Certo è che i poteri straordinari erano ristretti ai casi di “calamità naturali” e “catastrofi”, sebbene – sin da allora - con l’aggiunta ambigua di “altri eventi che, per la loro intensità ed estensione, debbono essere fronteggiati con mezzi e poteri straordinari”. Già in origine dunque può individuarsi una breccia in grado di ampliare a dismisura i compiti eccezionali che le calamità naturali e le catastrofi giustificano. In ogni caso è stato questo un sistema complesso che ha passato il vaglio della nostra Corte costituzionale (sent. 127 del 1995), la quale ha sottolineato la possibilità di un uso di poteri d’ordinanza in deroga alle disposizioni vigenti purché adeguatamente limitato e nel rispetto dei principi generali dell’ordinamento giuridico.
La questione però ora si pone su un altro piano e riguarda il seguito e il progressivo ampliarsi dei poteri d’eccezione. Anzitutto, per l’interpretazione estensiva che ha avuto la formulazione originaria della legge che permetteva l’attribuzione dei poteri in deroga. Essa è passata (attraverso la breccia degli “altri eventi”) dal delimitato campo delle calamità naturali alla gestione delle più diverse emergenze. Prima l’emergenza rifiuti, poi l’emergenza immigrazione, infine una generale e indeterminata emergenza economico-sociale. Si è assistito insomma a una progressiva traslitterazione di senso che ha condotto ad ampliare progressivamente la possibilità di un uso straordinario dei poteri.
Ma un vero punto di svolta è avvenuto quando, nel 2001, è stato approvato un decreto-legge (n. 343) che ha spalancato le porte a una concezione palesemente impropria dell’emergenza. Non più solo un fatto specifico di carattere straordinario e imprevedibile, bensì ogni possibile “grande evento” può oggi rendere possibile l’uso di ordinanze in deroga alla legislazione vigente e l’assegnazione dei poteri straordinari alla protezione civile. E’ evidente che in tal modo si consegna alla valutazione politica del Governo, che deve dichiarare quando ci si trova dinanzi ad un “grande evento”, l’uso potenzialmente generalizzato dei poteri straordinari. Facendo fatalmente venir meno il rapporto tra regola ed eccezione. Basta scorrere l’elenco delle decisioni governative che hanno dichiarato “grandi eventi” manifestazioni, forse “importanti”, ma certamente non necessarie alla difesa di vite, beni e cose essenziali alla popolazione o alla salvaguardia del sistema democratico italiano. I campionati mondiali di ciclismo o di nuoto, la preparazione della riunione del G 8, la giornata delle gioventù, l’elezione del pontefice, una regata della coppa America, il semestre di presidenza italiana dell’Unione europea, il congresso eucaristico nazionale a Bari, un incontro dell’Associazione cattolica italiana, la beatificazione di madre Teresa di Calcutta, il vertice tra la Nato e la Federazione russa, le celebrazioni per il centocinquantenario dell’unità d’Italia, sono alcuni dei casi che il Governo ha ritenuto dovessero essere affrontati conferendo poteri straordinari alla protezione civile, in deroga alla normativa vigente.
Così, l’eccezione si traduce in regola, la deroga alla legge diventa norma permanente ed effettiva, lo stato di diritto può in ogni momento essere sospeso in forza di una decisione politica del Governo. E il Governo trova un comodo strumento per “fare”, senza controlli e senza confronti: estraneo il Capo dello Stato alla decisione del Consiglio dei ministri nel dichiarare l’emergenza, escluso il passaggio parlamentare e il confronto con le opposizioni, che la nostra Costituzione prevede in ogni ipotesi, persino nei casi straordinari di necessità e d'urgenza in cui il Governo adotta decreti-legge. Un solo limite al potere d’emergenza sembra permanere: quello della magistratura.
Per completare dunque la trasformazione del sistema e conquistare definitivamente l’assolutezza del potere è parso necessario affrancare l’esercizio del potere d’ordinanza in deroga dal controllo della magistratura. Ed infatti, con un altro decreto-legge nel 2008 (n.90) si “interpreta” la norma ordinaria nel senso che le ordinanze adottate per l’ormai ordinaria emergenza sono sottratte al controllo preventivo di legittimità della Corte dei conti. Anche i passaggi successivi sono già stati linearmente definiti, nel decreto-legge in corso di conversione: sottrarre la protezione civile alle regole di diritto pubblico (ritenendo – almeno sino al recente ripensamento - di trasformare la sua struttura operativa in una società alle dirette dipendenze della presidenza del consiglio) e ostacolare il sindacato giurisdizionale (escludendo – con previsione apertamente incostituzionale - sino al 31 gennaio 2011 di poter intraprendere azioni giudiziarie e arbitrali nei confronti delle Strutture commissariali che hanno operato in Campania).
Giunti a questo punto è chiaro che non ci si trova dinanzi a semplici abusi (sempre che siano effettivamente accertati dall’autorità giudiziaria competente), bensì di fronte a un sistema di governo in via di formazione, che tende ad affermare l’assolutezza del potere. Fuori dallo stato di diritto e dai suoi vincoli, entro una cultura del fare che non può arrestarsi per rispettare le regole, ma che ambisce solo al risultato. E’ il fine che può giustificare l’uso di ogni mezzo possibile. Un ritorno al Principe che può ascoltare i suoi consiglieri (si parva licet componere magnis: ieri Macchiavelli, oggi Bertolaso), ma che alla fine decide in solitudine e senza vincoli. E’ la via, oramai scomposta, dell’eccezione, che come ci ricorda il massimo teorico dello stato d’eccezione, Carl Schmitt, coinvolge sempre il problema più profondo ed essenziale del potere per come si configura in concreto. Poiché chi decide nell’eccezione, cioè nel caso non regolato dal diritto, diventa il vero sovrano. Oggi avvertiamo che in gioco è la sovranità. A chi spetta? La Costituzione dice che essa appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione stessa; secondo altri alla protezione civile, che la esercita nelle forme e nei limiti decisi dal Principe.
Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics