Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

08/03/2010
Il decreto salva-liste e l'abuso di potere normativo (di Gianni Ferrara)



Il TAR del Lazio respinge il ricorso diretto ad ammettere la lista del PDL per la provincia di Roma. Bene. "C'è un giudice a Roma" ed è esemplare la decisione della Giunta regionale del Lazio di impugnare innanzi alla Corte costituzionale il decreto-legge 5 marzo 2010 n. 29. A mio giudizio, è anche doverosa. Si oppone ad un atto affetto da molti e gravi vizi di incostituzionalità, chiaramente ed immediatamente evidenti. La Costituzione, che come ogni atto giuridico, va letta per intero, all’articolo 122, primo comma, prescrive: “Il sistema di elezione e i casi di ineleggibilità e di incompatibilità del Presidente e degli altri componenti della Giunta regionale nonché dei consiglieri regionali sono disciplinati con legge della Regione nei limiti dei principi fondamentali stabiliti con legge della Repubblica, che stabilisce anche la durata degli organi elettivi.” L’attribuzione alle Regioni, a ciascuna Regione, della potestà legislativa in materia elettorale è quindi indubbia, ineccepibile, inderogabile. Il decreto legge del 5 marzo quindi invade l’ambito proprio della competenza legislativa regionale in materia elettorale.
Per evitare che qualche pennivendolo possa scriverlo, va detto subito che sarebbe risibile non solo sostenere che possano essere considerati “principi fondamentali” e perciò di competenza dello stato, da dettare con legge della Repubblica, sia la individuazione specifica dei “termini orari di presentazione delle liste”, sia le modalità di ingresso nel Tribunale o in un apposito locale dei delegati alla presentazione di tali liste (comma primo dell’articolo unico del decreto in questione), sia le ordinarie o speciali forme di “autenticazione delle firme” o dei modi con cui si assicura la leggibilità dei timbri che la attestano (comma secondo). Per quanto attiene poi ai rimedi avverso le decisioni sull’ammissibilità delle liste (comma terzo) nessun problema di interpretazione si è posto per quaranta anni; la disposizione del decreto è quindi anch’essa innovativa per di più suscita non pochi e fondati dubbi di costituzionalità perché mira a precludere la par condicio dei delegati di tutte le liste ad agire in giudizio per garantire la legalità del procedimento elettorale.
Va anche escluso che, per la determinazione delle norme interpretative, possa rivivere la potestà legislativa in materia elettorale intestata allo stato prima della riforma del Titolo V. Trasferendo dallo stato alle regioni la competenza in questione e riferendo alla legge della Repubblica la sola determinazione dei principi fondamentali, il sistema è completamente mutato e quanto alle norme interpretative spetta allo stato di determinare quelle contenente i principi e alle regioni le altre. Ma quelle del decreto non sono norme interpretative. Ne manca il requisito essenziale, quello di scegliere una delle interpretazioni tra quelle emerse nel corso della vigenza di una certa disciplina. Nei quaranta anni di vigenza della legge n. 108 del 1968 nessun conflitto interpretativo si è mai verificato.
Ma, al di là della stupidità e della malafede, c’è da domandarsi: come può essere definito un atto normativo che interviene su materia sottratta costituzionalmente all’organo che osa porlo in essere? Un atto privo cioè del requisito primario di validità, requisito che consiste nella derivazione dall’organo cui la distribuzione dei poteri, costituzionalmente prescritta, attribuisce la potestà di deliberarlo? Come si può qualificare l’esercizio di un potere non proprio ma di un altro ente pubblico e cosa ne consegue per l’atto così prodotto?
Un autorevolissimo costituzionalista del secolo scorso sosteneva, con argomentazioni molto solide, che il decreto-legge nasceva invalido e che solo la conversione in legge da parte del Parlamento lo poteva legittimare. Aveva ragione. Prevalse però una diversa interpretazione, è vero. Ma sull’incostituzionalità di un decreto-legge che sottrae al legittimo titolare il potere di legiferare e lo trasferisce al governo non c’è mai stato dubbio, né poteva o potrebbe esserci.
Si aggiunge così un motivo in più a quelli che Massimo Villone ha illustrato nitidamente su questa stessa Rivista. Motivi che vanno: a) dalla falsità nella denominazione del decreto e nel testo delle sue disposizioni quanto a definizione di “interpretazione” di norme laddove si tratta invece di innovazione normativa; b) alla mancanza di uno dei due requisiti del decreto-legge, quello della necessità, perché si interviene prima che si definiscano i procedimenti innanzi agli organi di garanzia, evidentemente per dettarne le decisioni. Alla violazione: c) degli articoli sia 72 Cost., quarto comma, sia 15 della legge 400/1988 sull’Ordinamento del governo che escludono la materia elettorale dalla disciplina per decreto-legge; d) degli artt. 2 e 3 Cost. perché il contenuto del decreto determina un trattamento differenziato che avvantaggia, per gli errori compiuti, solo i delegati del Pdl; e) dell’art. 48 Cost. perché il voto degli elettori è uguale solo se vi è stata par condicio nel procedimento presupposto a quello della votazione; f) dell’art. 51 Cost. perchè viene distorta la parità di accesso alle cariche pubbliche.
Ho definito esemplare la decisione della Giunta regionale del Lazio augurandomi che anche altre Regioni decidano di impugnare il decreto-legge n. 29 del 5 marzo a difesa della potestà legislativa ottenuta e a tutela della Costituzione, dello stato di diritto e della democrazia.
L’arbitrio, il sopruso, la violenza, la perversione, l’uso illegale del potere legale, lo stravolgimento degli atti legislativi a fini personali o di parte, vanno contrastati, fermati prima che sia troppo tardi. I delegati, gli iscritti, il leader del partito di maggioranza non hanno un diritto, un potere in più dei delegati, degli iscritti, dei leaders degli altri partiti, della legge non possono fregarsene (parola declinata già tragicamente nella storia d’Italia), violarla e poi sanare con legge la violazione della legge. Il decreto-legge salva-liste del Pdl va combattuto con tutte le armi della legalità. Può diventare un precedente. Chiama ad un dovere inderogabile. Quello di resistergli.
Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics