Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

07/04/2010
La Costituzione come statuto di maggioranza (di Massimo Villone)





Dopo il successo nelle ultime elezioni regionali, la Lega incassa. Apre il fronte delle riforme e ne pretende la regia. Un déjà vu.
Nella XIV legislatura la riforma del centrodestra, meritoriamente affossata dal popolo nel 2006, partì su impulso della Lega il 26 febbraio 2002 con l’AS 1187, che introduceva la devolution. Poche righe aggiunte all’art. 117 della Costituzione. La Lega impose la proposta all’intera maggioranza, e la portò - anche minacciando la crisi di governo - all’approvazione in Senato. Ma una riforma con la sola bandiera leghista era politicamente insostenibile per i partners di coalizione. E dunque alla prima e solitaria locomotiva leghista si aggiunsero i vagoni voluti dalle altre forze politiche della maggioranza. La devolution fu assorbita nell’AS 2544, presentato il 17 ottobre 2003. Il primo ministro “assoluto” fu appunto il più significativo di quei vagoni.
La storia oggi si ripete, e di nuovo la Lega prende la testa del gruppo. Come mai un partito territoriale come la Lega ha tanto interesse ai temi della riforma, in specie costituzionale? La risposta è semplice. Da più di vent’anni la Lega è la sola forza politica che abbia un progetto chiaro: costruire la strumentazione costituzionale e legislativa dell’egoismo territoriale. Questo spiega l’ostinazione leghista. La divaricazione strutturale tra il paese forte e il paese debole non è un dato negativo e da correggere. Al contrario, è negativo sottrarre risorse al paese forte per sostenere la parte debole. Non importa che la diseguaglianza tra territori diventi inevitabilmente diseguaglianza nei diritti costituzionalmente protetti. Nemmeno importa che l’intera parte I della Costituzione sia una rete di contenimento delle diseguaglianze. E conta meno di nulla che l’unità e indivisibilità siano fatalmente a rischio in una Repubblica di diseguali.
Il progetto leghista è geneticamente in contrasto con la protezione costituzionale dell’eguaglianza e dei diritti. Il paradosso è che gli strumenti per la sua attuazione sono già in larga parte messi a disposizione dalla pessima riforma del titolo V voluta nel 2001 dal centrosinistra. Ma almeno per due punti la regia leghista potrà comunque avere un peso rilevante.
Il primo è l’attuazione del federalismo fiscale. La legge 42/2009 seppellisce la delega in una selva inestricabile di principi e criteri direttivi, tanto che il limite dell’art. 76 Cost. diventa per paradosso evanescente. Le possibili letture sono molteplici, e la pressione leghista potrà incidere fortemente sulla implementazione dei principi di solidarietà e perequazione, centrali nell’architettura dell’art. 119 della Costituzione.
Il secondo punto è l’art. 116, comma 3, Cost. sul federalismo a velocità variabile con legge dello stato adottata a maggioranza assoluta dei componenti. Meccanismo pericoloso, che può porre una pressione irresistibile per ulteriori spazi di autonomia a regioni che esprimono equilibri politici omologhi a quelli di governo. Una vicenda simile l’abbiamo già vista nell’esperienza spagnola. In Italia, le proposte di alcune regioni del Nord sono agli atti. Alla richiesta di nuovi poteri e funzioni si accompagna quella delle risorse necessarie. Il rischio è che l’attuazione dell’art. 116, comma 3, per l’insufficienza delle risorse complessivamente disponibili metta di fatto in crisi l’intero modello di federalismo fiscale ex art. 119 Cost., rimanendo mero flatus vocis il rispetto – pur richiamato - dei principi in esso posti. Aumentano, in prospettiva, i già gravi rischi per l’eguaglianza e i diritti.
Va anche ricordato che l’art. 116, comma 3, è in sostanza irreversibile negli esiti. Il procedimento è rinforzato, prevedendosi che la legge statale sia adottata su iniziativa della regione e sulla base di intesa tra la stessa e lo stato. Quindi, i maggiori poteri e le corrispondenti risorse economiche conquistati oggi da una regione non potranno domani essere recuperati dallo stato al di fuori di ogni accordo con la regione. E quale sarà mai la probabilità statistica che il consenso sia dato?
Ecco perché la Lega vuole la regia delle riforme. E di nuovo al treno leghista si agganciano altri vagoni. È chiara l’intesa Bossi-Berlusconi, che reciprocamente si garantiscono. Naturalmente, a Berlusconi va il potere personale. Non è un casuale il richiamo al semipresidenzialismo. Nell’attuale assetto francese è sostanzialmente superata la prospettiva della coabitazione, che era il vero temperamento democratico di sistema. A me pare che la figura del presidente francese sia oggi simile – sostituita l’investitura dinastica con il voto popolare – a un monarca costituzionale da statuto albertino. Il primo ministro è vuoto simulacro, in un “governo del presidente”. E in parlamento c’è soprattutto un peso di notabilato territoriale. Può piacere a Berlusconi. Ma un presidenzialismo classico di tipo statunitense, con una legittimazione separata dell’assemblea elettiva sulla quale l’esecutivo non ha poteri, è da preferire. E bene si comprende lo scontento di Fini, che ovviamente si vede emarginato in un modello semipresidenziale con Berlusconi al Quirinale.
È probabile che parta ora la trattativa per un accordo nella coalizione di centrodestra. E più difficile sarà l’accordo, più rimarrà fatalmente blindato nel passaggio parlamentare. Si conferma il grave rischio che la Costituzione diventi uno statuto di maggioranza, punto di incontro non di ampi consensi, ma di quegli equilibri che sono al momento cruciali per la sopravvivenza della coalizione di governo. Una Costituzione precaria. In tale contesto il ruolo dell’opposizione non può che essere subalterno e marginale. Meglio sarà per tutti se non punterà a far passare qualche insignificante emendamento, ma ad avanzare una proposta complessivamente alternativa che abbia alla base la robusta concezione democratica che manca al centrodestra. Così, male che vada, potremo pensare alla Costituzione che vorremmo, almeno per la prossima volta.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics