Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

12/04/2010
Il sonno della ragione genera mostri. 1. La Costituzione di tutti, dei più, dei pochi (di Massimo Villone)



Il legislatore in assoluto meno rappresentativo della storia repubblicana potrebbe giungere alla riforma della Costituzione in assoluto più stravolgente. Questa è la prima suggestione che si trae dalle notizie sulle proposte di riforma in via di definizione.
Non è mancata in passato l’affermazione che l’eccessiva rigidità della Costituzione ostacolasse una riforma necessaria. In realtà, abbiamo una costituzione a rigidità molto moderata. L’unico vero aggravamento si trova nella doppia deliberazione ex art. 138. Mentre la necessità di ampi consensi è rimasta consegnata a prassi e convenzioni costituzionali, in anni recenti disattese. Tecnicamente, basta la maggioranza di governo pro tempore. Questo è oggi il punto focale dell’architettura dell’art. 138, come hanno dimostrato il centrosinistra nel 2001 e il centrodestra nel 2006. Sono allora decisive le modalità per la formazione in parlamento dei numeri maggioritari. Senza cercare l’enfasi, bisogna capire se dalla volontà del legislatore nasce una Costituzione di tutti, dei più, dei pochi.
È qui che assumono un rilievo cruciale le distorsioni della rappresentatività determinate dal sistema elettorale. Il premio di maggioranza assicura che la parte vincente sia sovra-rappresentata, e quella perdente sotto-rappresentata, secondo un calcolo aritmetico che si sovrappone al voto e modifica i rapporti di forza. La soglia di sbarramento nega la rappresentanza a forze politiche pur presenti nel paese. Dopo quindici anni di bipolarismo coatto, l’astensionismo prende circa un terzo del corpo elettorale. Il primo paradosso è che - stando ai numeri veri - il legislatore che aspira all’onnipotenza è espresso da non più che una minoranza del popolo sovrano.
È singolare che nel deficit di rappresentatività qualcuno abbia visto e veda la premessa di una maggiore efficienza dell’istituzione parlamento. Eppure, proprio questo dicono Veltroni e Morando, nel dibattito sulla fiducia al governo Berlusconi il 14 maggio 2008 rispettivamente nella Camera dei deputati e in Senato. Rivendicano anzi il merito di aver creato le condizioni per riprendere utilmente il dialogo sulle riforme. La determinazione artificiosa del rapporto di forza attraverso il premio di maggioranza, e l’estromissione dei possibili dissenzienti, aprono la via alla decisione. La riforma si avvicina perché un parlamento meno rappresentativo si allontana dal paese. Questo è il secondo paradosso.
Una condizione negativa che non si corregge auspicando ampie intese tra maggioranza e opposizione. Intanto perché le distorsioni investono insieme le due parti, e il loro accordo non le cancella. Ma ancor più perché la riforma della Costituzione è stata assunta in anni recenti nei programmi elettorali e negli accordi di governo. Questo è stato evidente nel caso del centrodestra per temi come il federalismo, in specie fiscale, e la giustizia. La minaccia del “tutti a casa” per l’inadempienza non è stata un mero flatus vocis. Come non è un caso che le maggiori revisioni costituzionali siano state avviate con una iniziativa legislativa del governo.
Ed ecco il terzo paradosso. Come si può pensare di stabilire un produttivo confronto tra maggioranza e opposizione su temi che sono condizione di sopravvivenza per il governo e la coalizione che lo sostiene? Al più, l’opposizione è condannata al ruolo di comprimario, cui spetta la marginale limatura del testo. Le mediazioni e le decisioni di fondo sono fatalmente funzionali agli equilibri di maggioranza. E quale prezzo politico pagherà l’opposizione per aver aiutato la maggioranza a realizzare il suo progetto, con ciò dimostrando di non averne uno alternativo?
Una decisione sostanzialmente di maggioranza, al più marginalmente condivisa dall’opposizione, in assemblee a rappresentatività limitata e distorta, tra l’altro elette con liste bloccate che le popolano di zombies obbedienti a quel che rimane delle gerarchie di partito. È questo oggi il senso concreto dell’approvazione a maggioranza assoluta dei componenti in seconda deliberazione ex art. 138. Come garanzia, certo non il massimo.
In questo scenario l’unico – possibile - temperamento democratico è dato dal referendum. È stato a lungo marginale, per la prassi di approvazioni con maggioranze superiori ai due terzi. Ma nell’esperienza più vicina a noi, la vasta adesione si è avuta solo per riforme ristrette e mirate. Per contro, ampia la riforma, profondo il contrasto. Del resto, il dettato costituzionale preclusivo del referendum fondava la sua ratio sul presupposto di una piena e forte rappresentatività delle assemblee elettive. Invece, in uno scenario di rappresentatività debole e distorta superare la soglia dei due terzi può essere strumento perverso per impedire il riscontro della volontà popolare. Cosa tanto più grave se si rinnovasse il tentativo, già messo in atto nel 2006 in occasione della riforma del centrodestra, di blindare la riforma stessa rispetto a successive e diverse maggioranze, modificando per il futuro lo stesso art. 138.
Se il percorso delle riforme continuerà, si impongono due richieste all’opposizione in parlamento. La prima, che contrasti ogni blindatura della riforma che venisse oggi approvata. La seconda, che non concorra con i suoi voti al superamento della soglia dei due terzi. Anzi, che avvii il referendum ex art. 138 con i suoi parlamentari, come del resto è già accaduto sia nel 2001 che nel 2006.
In Assemblea Costituente, il 14 novembre 1947 Paolo Rossi commentava la procedura aggravata di revisione dicendo che la Costituzione non era da vedere come un masso di granito o un giunco flessibile, ma piuttosto come un “duttile acciaio che si riesce a riplasmare faticosamente sotto l'azione del fuoco e sotto l'azione del martello di un operaio forte e consapevole”. Non sapeva che il fuoco sarebbe stato quello leghista, e l’operaio Berlusconi. La speranza è che la storia – prima ancora che un’opposizione parlamentare debole e incerta – lo mandi in cassa integrazione.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics