Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

21/04/2010
Il sonno della ragione genera mostri. 2. Uomo solo al comando (di Massimo Villone)



Può sembrare singolare che nel centrodestra la crisi sia esplosa quando Berlusconi ha disvelato il suo disegno di riforma: semipresidenzialismo alla francese, con voto simultaneo per il capo dello Stato e per il parlamento, a sistema elettorale immutato. Qui è scattata la reazione di Fini.
Come mai, in un quadro di dissensi politici corposi e già ripetutamente emersi – il rapporto con la Lega, le politiche per il Mezzogiorno – il contrasto si acuisce su un tema apparentemente astratto, e comunque lontano dalla sensibilità dell’opinione pubblica? Nulla è per caso, e capire a fondo quel che accade ci può fornire elementi per anticipare quel che ci aspetta.
Da sempre Berlusconi insiste su alcuni concetti elementari. Il capo del governo è scelto dal voto popolare. Il voto deve altresì fornire nelle assemblee elettive la manovalanza necessaria all’azione di governo per la durata della legislatura. Per il resto, quelle assemblee sono superfetazioni che rischiano di appannare la cristallina investitura popolare del capo. Ed è un ostacolo da abbattere la Costituzione che non sia conforme a siffatta simbiosi tra leader e popolo sovrano.
Non meraviglia che l’elezione del leader con la sua maggioranza sia il fulcro del Berlusconi-pensiero. Lascia invece perplessi, e non poco, quanto quel pensiero abbia nel tempo fatto breccia nel centrosinistra. Basta leggere nel dibattito per la fiducia il 22 maggio 1996 Prodi che sottolinea – come Berlusconi il 16 maggio 1994 – l’importanza della scelta di chi governa nel voto popolare. O sentire D’Alema il 22 ottobre 1998 giustificare faticosamente la nascita dell’esecutivo da lui presieduto: non già avvicendamento fisiologico in una forma di governo parlamentare, ma – non essendo stato votato dagli elettori – espressione emergenziale di una transizione incompiuta. Basta considerare che già nelle elezioni del 2001 sulle schede elettorali erano indicati i nomi dei “candidati” alla carica di presidente del consiglio: non solo Berlusconi, ma anche Rutelli. Eppure, ancora solo nel 1996 in fine della XII legislatura quattro saggi – Bassanini, Fisichella, Salvi e Urbani – avevano stilato un documento sulle riforme nel quale si prevedeva che tale indicazione dovesse essere esplicitamente proibita, per evitare una eccessiva personalizzazione della politica. Il che rende evidente come il pensiero politico-istituzionale del centrodestra abbia progressivamente prevalso anche per l’incapacità del centrosinistra di formulare un pensiero compiutamente ed efficacemente alternativo. Così si giunge - nel 2005 con il Porcellum - a dare dignità giuridica e cogenza normativa all’elezione del leader con la sua maggioranza. È appunto quel che accade quando la legge elettorale individua nella figura del “capo” della lista o della coalizione la condizione necessaria per partecipare alla competizione.
È la concezione berlusconiana – potere personale del leader, niente contrappesi o contropoteri - che si va realizzando. Oggi, fa un passo ulteriore con la proposta del semipresidenzialismo. È ben vero che tale modello è accreditato dai costituzionalisti come democratico. Ma è democratico in sé, o è considerato tale in quanto adottato in Francia, paese di solida tradizione democratica? Di sicuro, consente e favorisce la massima concentrazione di potere personale, in capo al presidente eletto. Duverger coglie nel segno quando lo definisce una “monarchia repubblicana”.
Per di più, nell’assetto originario del sistema francese, il principale temperamento democratico era nella coabitazione, qualora la maggioranza presidenziale e quella parlamentare fossero diverse. Ma la riforma del 2003 ne ha ridotto al minimo la probabilità, parificando la durata del mandato presidenziale a quella della legislatura, ravvicinando nel tempo il voto per il capo dello stato e quello per il parlamento, e dunque massimizzando il trascinamento del primo sul secondo. L’asse del sistema si è spostato verso il presidente eletto. Non a caso Berlusconi tiene oggi a precisare che le due votazioni devono aver luogo nello stesso giorno. Escludendo che la consapevolezza degli effetti venga dalla sua cultura personale, ne deduciamo che il costituzionalista al momento in servizio glielo abbia spiegato.
Ed ecco una risposta al quesito iniziale sulle ragioni della reazione di Fini: il modello semipresidenziale, in specie nella lettura berlusconiana, non lascia spazio a diarchie. È un monismo istituzionale e politico ritagliato sulla persona del capo dello stato. Mentre un PDL a doppia leadership Berlusconi-Fini, presuppone istituzioni che consentano la pari dignità dei due co-leaders, e non consegnino uno dei due a una fatale subalternità. Nello scenario delineato, e puntando Berlusconi alla massima carica, Fini sarebbe condannato ad essere un primo ministro travicello tenuto in ostaggio da una maggioranza parlamentare agli ordini del capo dello stato.
È possibile che nasca anche in questa consapevolezza la reazione di Fini. Sarebbe cosa utile al paese se contribuisse per il futuro a togliere dal tavolo della discussione l’opzione semipresidenzialista. Per noi, una scelta fondamentalmente antidemocratica. Tra l’altro, nel sistema francese si individuano contrappesi in una burocrazia efficiente, consapevole di sé e fortemente legittimata, e in un parlamento connotato da un forte radicamento territoriale. Ma questa è la Francia. Al contrario, nell’esperienza italiana abbiamo un parlamento che la lista bloccata rimette alla volontà del principe per la sua composizione, e che per questo rimane a quel principe asservito e obbediente. Mentre le burocrazie sono devastate dall’uso spregiudicato dello spoils system.
Il semipresidenzialismo berlusconiano è l’opzione più vicina alla cultura dell’uomo solo al comando. Una scelta che può solo aggravare le torsioni in chiave populistica e plebiscitaria che già avvelenano le istituzioni italiane. Una scelta, tra l’altro, che vediamo in buona misura realizzata nel governo regionale e locale, attraverso l’elezione diretta dei capi degli esecutivi, la regola del simul stabunt simul cadent, e le assemblee rese evanescenti e notabilari dal dissolversi delle forme organizzate della politica. Gli effetti negativi sono evidenti. In larga parte dell’esperienza regionale e locale vediamo una fortissima personalizzazione, ma non troviamo buon governo e buona politica. Né contano di più i cittadini, tali solo nel momento del voto, e sudditi per il resto del mandato.
È quel che vogliamo per le massime istituzioni del paese? Certamente no. È quel che piace a Berlusconi, maestro della pubblicità ingannevole.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics