Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

10/05/2010
Emergenza carcere (di Marco Ruotolo)


Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indomani della concessione dell’indulto (estate 2006), visto che quel provvedimento non è stato accompagnato da un significativo mutamento delle politiche penali che privilegiasse il ricorso, nella misura più ampia possibile, a sanzioni non detentive. Ad incidere è stato anche un non adeguato ricorso a misure alternative nel corso della esecuzione della pena, nonostante i dati stiano a dimostrare che le percentuali di recidiva sono assai più alte per i detenuti che non ne hanno usufruito (68% contro 19%).
Se si guarda poi alla composizione della popolazione carceraria il dato è ancora più allarmante: essa è in prevalenza composta da stranieri (24922) e da tossicodipendenti (circa il 30%), con quasi la metà dei detenuti in attesa di giudizio. In questa situazione come è possibile pensare a un trattamento individualizzato, qual è quello delineato dall’ordinamento penitenziario? Come è possibile pensare ad un processo di rieducazione ove riferito a soggetti che ancora non sono stati condannati e quindi si presumono innocenti?
In attesa della realizzazione del c.d. piano carceri, si pensa ad una misura emergenziale, quale è quella proposta dal Ministro della Giustizia con il d.d.l. recante “Disposizioni relative all’esecuzione presso il domicilio delle pene detentive non superiori ad un anno e sospensione del procedimento con messa alla prova” (A.C. 3291), il quale prevede, tra l’altro, che “La pena detentiva non superiore a dodici mesi, anche se parte residua di maggior pena, è eseguita presso l’abitazione del condannato o altro luogo pubblico o privato di cura assistenza e accoglienza” (art. 1). Secondo le stime ministeriali, i detenuti che potrebbero “beneficiare” del provvedimento sarebbero 10741. Di là dalle perplessità sul dato (non mi tornano i conti, considerando che circa il 40% dei detenuti “interessati” non ha una abitazione a disposizione), ciò che più impressiona sono le reazioni di autorevoli esponenti del Governo. Il Ministro dell’Interno considera la misura “peggiore di un indulto”, il Ministro della Difesa ha manifestato perplessità analoghe (è “una legge che non vorrei mai”). Non, dunque, perché la misura sarebbe insufficiente a ridurre il sovraffollamento (probabilmente, considerati anche i reati per i quali è esclusa l’applicazione del provvedimento, ne “beneficerebbero” solo 2500 detenuti), ma perché produrrebbe un effetto di eccessiva decarcerizzazione! Non perché – secondo quanto rilevato dall’ANM – introdurrebbe un automatismo che prescinde da qualsiasi valutazione circa la pericolosità del “beneficiario”, ma in quanto la magistratura già potrebbe realizzare obiettivi analoghi, avendo “gli strumenti per rendere il carcere necessario solo a chi per legge lo merita” (secondo quanto dichiarato dal Ministro La Russa). Affermazione, quest’ultima che meriterebbe un plauso, qualora effettivamente le politiche penali del Governo si fossero orientate a favore della applicazione, nella misura più ampia possibile, delle sanzioni non detentive. Ma non è così, ne sarà così. La tendenza è di segno contrario e sembra trovare riscontro in larga parte dell’opinione pubblica, convinta, in un’ottica esclusivamente repressiva, che il carcere sia l’unico strumento adatto a ripristinare la legalità violata. Poco importa, poi, se è il carcere non è il luogo della legalità, se l’esecuzione della pena si traduce – strutturalmente – in trattamento inumano e degradante. Poco importa se la Corte europea dei diritti dell’uomo condanna l’Italia perché i detenuti sono costretti a convivere in celle ove lo spazio riservato a ciascuno di essi è insufficiente ad assicurare una vita dignitosa o se qualche magistrato di sorveglianza (nella specie di Cuneo) intima alla direzione di un carcere di “adottare i provvedimenti ritenuti necessari e più opportuni” per porre fine alle “non tollerabili condizioni di vita dei detenuti”. Poco importa se tale disposizione del magistrato di sorveglianza non sia da riguardare come mera segnalazione, ma, in quanto rivolta ad eliminare violazioni dei diritti dei condannati, sia da considerare come prescrizione o ordine, “il cui carattere vincolante per l’amministrazione penitenziaria è intrinseco alle finalità di tutela che la norma stessa persegue” (Corte cost., sent. n. 266 del 2009). Poco importa se le celle trasudano di umidità, se le condizioni igieniche minime non sono in molti casi rispettate. Ciò che importa è che coloro che hanno violato la legge (o che, ove in attesa di giudizio, si presume l’abbiano violata) scontino la pena in carcere ovvero, più correttamente, marciscano in galera.
Ad imporlo è il diritto alla sicurezza dei cittadini “liberi” che prevale, annientandola, sulla “sicurezza dei diritti”, la quale dovrebbe implicare una effettiva lotta contro l’emarginazione e l’esclusione per la realizzazione di una società che consenta l’espressione delle potenzialità di sviluppo degli individui. Anche questa è un’esigenza di sicurezza, ma di segno diverso rispetto a quella che sembra muovere i nostri governanti. Un’esigenza che – secondo quanto sostenuto qualche anno fa da Baratta – dovrebbe implicare un radicale mutamento delle concrete politiche penali, le quali, appunto, più che informarsi al modello del “diritto alla sicurezza” dovrebbero informarsi a quello della “sicurezza dei diritti”, inserendosi nel quadro generale di una “politica integrale di protezione e soddisfazione dei diritti umani e fondamentali” che vede il diritto penale e gli indirizzi rivolti alla prevenzione dei delitti come elementi non già ad essa sostitutivi ma sussidiari.
Quanto ancora dovremo attendere per realizzare un obiettivo costituzionalmente imposto quale è quello dell’umanizzazione della pena? Non è sufficientemente cruda la realtà carceraria (già 25 suicidi nel 2010) per illuminare i nostri governanti? Scelgano la misura più opportuna e, soprattutto, più efficace per “svuotare” le carceri, ne costruiscano pure di nuove, ma si rendano conto che a tali misure vanno accompagnate scelte radicali che impediscano il riproporsi del problema del sovraffollamento, perfino quella estrema del “numerus clausus”, che impone alla magistratura di sorveglianza di scegliere un detenuto da “far uscire” ogni qual volta ne entra un altro. Privilegino un sistema di misure non detentive che ne garantisca l’effettività, creando le condizioni per trattamenti penitenziari realmente individualizzati, che contemplino, tra l’altro, la possibilità di lavorare dentro e fuori dal carcere. Cerchino di dare un senso a quella tensione verso la rieducazione preconizzata nell’art. 27 Cost. e, più in generale, di dare una concreta risposta all’impegno costituzionale di rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che impediscono il pieno sviluppo della persona umana (art. 3, comma 2, Cost.). Se è vero che quest’ultimo è “compito della Repubblica”, ad esso non possono sottrarsi le nostre istituzioni, prima fra tutte il “Governo della Repubblica” e coloro che pro tempore lo compongono.
Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics