Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

29/06/2010
Il legittimo impedimento e i Ministri senza portafoglio (di Gaetano Azzariti)


Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente quelli collegati alla pretestuosità delle motivazioni addotte dal neoministro per richiedere l’applicazione della legge sul legittimo impedimento. Sulla fondatezza dei motivi presentati dagli avvocati in sede processuale sono però i giudici competenti a valutare, e non spetta al Presidente della Repubblica intervenire. Al Presidente spetta invece garantire il rispetto delle prerogative costituzionali e impedirne l’uso improprio (incostituzionale). Per questo ritengo che il “monito” presidenziale non debba riferirsi all’interpretazione disinvolta della legge sul legittimo impedimento e all’uso fatto in sede processuale, bensì riguardi, ben più in profondità, la possibilità stessa che tale legge possa applicarsi al caso di specie. Non è l’imputato Brancher - come ora sostengono i suoi legali - a “rinunciare” al legittimo impedimento e ad "acconsentire” lo svolgimento delle udienze, poiché non è nei suoi poteri disporre dei tempi del processo. Questa è la reale questione posta dal Presidente.
Almeno dal punto di vista strettamente giuridico è infatti evidente che il legittimo impedimento non sia opponibile da altri se non dai soggetti direttamente indicati nella legge e appare corretto sostenere che questa si riferisca esclusivamente al Presidente del Consiglio dei Ministri e ai singoli Ministri titolari dei diversi dicasteri (esclusi dunque i cosiddetti Ministri senza portafoglio). Vero è che la legge in questione inizialmente (all’articolo 1) parla genericamente di Ministri, ma è essenziale rilevare che specifica poi (all’articolo 2) che l’applicazione è permessa “al fine di consentire al Presidente del Consiglio dei Ministri e ai Ministri il sereno svolgimento delle funzioni loro attribuite dalla Costituzione e dalla legge". E la Costituzione fa riferimento esclusivamente ai Ministri con portafoglio: all’articolo 95, dove espressamente richiama la responsabilità individuale di questi per “gli atti dei loro dicasteri”. Tutti gli altri soggetti che vanno a comporre la compagine governativa (oltre ai Ministri senza portafoglio anche i sottosegretari, i capi di gabinetto o delle segreterie politiche dei Ministri, etc.) non possono essere ricompresi in questa ristretta cerchia per la semplice, ma decisiva, ragione che il legittimo impedimento rappresenta una deroga ai principi generali della giurisdizione. Come ogni deroga, dunque, va interpretata in termini restrittivi. Tanto più in questo caso, poiché è in gioco il principio fondamentale dell’eguale trattamento dinanzi al processo di tutti i cittadini (l’égalité en droit). Solo il rinvio ad un altro valore costituzionale degno di tutela può permettere la conservazione di tale prerogativa ed impedire che essa si trasformi in odioso privilegio del tutto estraneo alla nostra civiltà giuridica. Il legislatore ha individuato questo “valore costituzionale” alternativo nel “sereno svolgimento” delle funzioni costituzionalmente attribuite ai Ministri. È, ovviamente, tutto da vedere se tale bilanciamento tra le ragioni della giurisdizione e quelle relative all’esercizio delle funzioni di governo siano costituzionalmente legittime: proprio su questo punto dovrà decidere la Corte costituzionale già investita della questione. E la stessa maggioranza sa bene che il rischio che sia accertata l’incostituzionalità dell’intera legge è molto forte. Tant’è che ha già predisposto il cosiddetto Lodo Alfano costituzionale: l’ennesima forzatura per garantire l’immunità al Presidente del Consiglio e ad altre poche alte cariche (anche ai Ministri senza portafoglio?). Non è qui però in discussione la legittimità costituzionale della legge, bensì la sua applicazione in concreto. Quel che può dirsi sin d’ora – e che il richiamo del Presidente induce a ritenere – è allora che la pretesa di estendere a figure non previste dalla nostra costituzione una normativa che limita l’esercizio della giurisdizione appare il frutto di una disinvoltura politica e costituzionale inaccettabile. Bene ha fatto Napolitano a rilevarlo.
Alcuni commentatori hanno rilevato l’irritualità del comunicato presidenziale, in alcuni casi esprimendo stupore per un intervento non formale del Capo dello Stato. Ma a ben vedere in questo frangente un atto formale avrebbe provocato una crisi costituzionale dagli esiti imprevedibili. D’altronde è prassi costante dei presidenti intervenire senza necessariamente assumere decisioni ultimative. È vero che nei primi anni della Repubblica tali interventi erano "riservati" e "diretti" (basta leggere le memorie di un Presidente discreto come Luigi Einaudi per conoscere l’importanza che può essere esercitata dagli atti informali del Capo dello Stato), mentre nei tempi più recenti tutto avviene sotto i riflettori dell’opinione pubblica. Non mi sembra però sia questo il punto. In caso si deve lamentare la perdita di lealtà e rispetto tra le istituzioni: se i rapporti tra Governo e Presidenza della Repubblica fossero quelli fisiologici di una forma di governo parlamentare, sarebbe bastata una telefonata o una lettera del Presidente (magari riservata) per risolvere il problema. Ma oggi il telefono e anche le lettere servono a ben altro, mentre di gran moda appare l'uso del comunicato. Non è il meglio, ma peggio sarebbe il silenzio assoluto del Presidente.
Il caso Brancher appare peraltro esemplare di un modo di affrontare le questioni più delicate dal punto di vista costituzionale con una volontà esclusivamente strumentale. Senza volere (potere?) affrontare il problema “reale” della ricomposizione ordinaria del Governo, nominando il Ministro per le attività produttive dimesso, si procede invece a individuare un “finto” Ministro senza dicastero e dalle funzioni delegate misteriose. Con lo scopo di estendere impropriamente una prerogativa. Per fortuna c’è la costituzione che limita i sovrani e impedisce un uso assoluto ed improprio dei poteri.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics