Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

19/10/2010
Gli invisibili conflitti di interessi (di Giovanna De Minico)



Ci possiamo dolere della nomina di Romani a ministro allo sviluppo economico?
E con chi?
Provo a rispondere alle domande da comune cittadina e da donna di legge.
Il cittadino assiste impotente all’occupazione d’imperio della cosa pubblica: capitani d’azienda, promossi a uomini di governo per prossimità al loro datore di lavoro, inclini ad assicurare un potere pubblico orientato ai suoi interessi privati piuttosto che al bene comune.
Non bisogna essere una maga per prevedere che Romani incarnerà questo modello, avendolo già dimostrato nei limiti in cui il suo status di sottosegretario con delega alle comunicazioni glielo consentiva.
È suo il rallentamento dell’approdo di Sky sul digitale, è suo l’annacquamento della sentenza della Corte di Giustizia nella vertenza tra Mediaset/Europa 7, è suo il congelamento del piano di investimenti nella banda larga, è suo il tentativo, non riuscito, di scippare la rete a Telecom per darla al suo datore di lavoro e tanti altri affaires: ultimo, ma non di minore rilevanza, l’autorizzazione a Mediaset per avviare in anticipo su tutti gli altri concorrenti la sperimentazione della Tv in Alta Definizione su frequenze, che non si potevano toccare in punto di diritto perché non ancora assegnate dall’Autorità per le garanzie. Diciamo che ci sono tutte le premesse per un governo dell’etere e delle reti a uso ancora più domestico di quanto non lo sia già.
Quindi, è naturale che il cittadino percepisca un insanabile conflitto d’interessi rispetto a Romani. Qui però il contrasto non coinvolge interessi economici propri del neo Ministro, è quello che un giurista definirebbe un confitto per interposta persona. Romani pertanto è solo un tramite per realizzare gli interessi aziendali del suo datore, incompatibili con l’azione oggettiva di un Esecutivo, alla quale pur sarebbe tenuto per vincolo costituzionale.
Quindi, la risposta alla prima domanda è affermativa.
Vediamo ora se esiste un qualcuno al quale rivolgere le nostre lamentele.
All’Antitrust stavolta direi di no, perché è la legge Frattini (L. 215/04) a non prevedere un conflitto d’interessi per interposta persona, e siccome le norme limitative delle libertà fondamentali sono passibili solo di interpretazione restrittiva, tenderei a escludere che l’Antitrust inauguri una lettura estensiva delle stesse. Il suo precedente operato è testimonianza di un’interpretazione strettamente letterale della legge 215; infatti, in più occasioni (si vedano le sue due ultime Relazioni semestrali sul conflitto d’interessi, ad esempio, quella del giugno 2009) l’Autorità ha escluso il conflitto in capo al premier, benché colpevole di dichiarazioni oggettivamente incompatibili con l’interesse di governo in ragione dell’assenza del requisito formale dell’atto. Si pensi a quando il premier invitò pubblicamente gli imprenditori a non investire in pubblicità su testate a lui ostili, o ancora quando con ripetuti contatti con i vertici Rai si accordò per una non belligeranza tra il suo gruppo e la Tv di Stato, condotta questa, identificabile in un patto di non concorrenza tra imprese (art. 2 L. 287/90), le quali invece dovrebbero essere in reciproca competizione. Tutte dichiarazioni, un pour parler, dunque, non atti, i soli aggredibili dalla legge.
Quindi, almeno in questo caso verso l’Antitrust nessuna recriminazione.
E verso il Premier?
Direi che non si può accusare un uomo per aver reclutato personale di governo per contiguità alla cultura aziendale dell’impresa d’informazione grazie al vuoto pneumatico lasciato dalla dissoluzione dei partiti. Nel momento in cui non si diventa più ministri in virtù di un selettivo ed estenuante cursus honorum nel partito di appartenenza, cosa impedisce al premier di scegliere la sua squadra di governo in forza di comprovata fedeltà ai propri interessi aziendali?
Infine, potremmo rivolgere le nostre recriminazioni contro la legge sul conflitto di interessi perché protettiva del premier–imprenditore? Se così facessimo, dimenticheremmo però che l’autore di quelle norme fu proprio la parte politica che aveva bisogno di essere protetta.
Quindi, ci dobbiamo tenere le nostre recriminazioni, confidando in una possibile sostituzione del Premier con i suoi intoccabili conflitti d’interessi, secondo quanto la corretta e fisiologica dinamica di un governo parlamentare ancora consente.
Magra consolazione, ma pur sempre una consolazione.


Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics