Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

17/11/2010
Il premier e la Costituzione violata (di Gianni Ferrara)



Berlusconi si difende. Dichiara, sproloquia, pretende, ordisce. La soglia dell’inquinamento è, ovviamente, travolta. Un’operazione di igiene si impone. Riguarda i principi e le regole della nostra democrazia, risultanti dalla Costituzione.
L’Italia è una repubblica parlamentare. Lo decise la Costituente del popolo italiano eletta il 2 giugno 1946. Ma quattro anni fa, solo quattro anni fa, il popolo italiano lo ha riconfermato, ribadito inequivocabilmente, ridando nuova forza, e attuale, vivente consenso a questa forma di governo, a questo modello di democrazia. Con referendum costituzionale, a stragrande maggioranza degli elettori, fu respinto il progetto berlusconiano di instaurare il premierato assoluto, la monocrazia (quella per Berlusconi ieri, ancora oggi, e poi … chissà). Lo si dimentica. Lo si rinnega. Dalla destra e anche dai feticisti trasversali della personalizzazione del potere. Ma la volontà popolare fu quella, quello è Nomos repubblicano.
Forma parlamentare di governo (come insegnò uno dei massimi teorici del diritto costituzionale, Burdeau) significa: tre organi per due delle funzioni statali. Per quella legislativa, il Parlamento. Per quella esecutiva, il governo, dipendente però dal Parlamento per essergli collegato e subordinato dal rapporto di fiducia. Con il Capo dello stato come garante sia della stabilità, sia della dinamica del sistema, munito perciò dei poteri necessari per l’una e per l’altra.
In questo quadro netto, chiaro, prescritto, è scoppiata la crisi del governo che si formò a seguito delle elezioni del 2008. A provocarla è stata la frattura determinatasi nella maggioranza, evento non certo infrequente in regime parlamentare. Nel quale regime le crisi si risolvono o con la formazione di un nuovo governo o con lo scioglimento delle Camere del Parlamento, previo ed in virtù dell’esercizio dei poteri del Capo dello stato, organo cui è appunto demandato il compito di risolverle. Accertando cioè la verifica di una delle due ipotesi. Quella che al governo “sfiduciato” possa succedere un altro governo legittimato dalla fiducia espressa dalla maggioranza dissolta o da una diversa maggioranza. Quella della impossibilità di formare una nuova maggioranza parlamentare e della connessa necessità, per il Capo dello stato, di assicurare la dinamica del sistema mediante lo scioglimento delle Camere del Parlamento. In qualsiasi Paese civile la questione si sarebbe posta (e infatti si pone) e sarebbe stata risolta (e infatti si risolve) usando l’uno o l’altro rimedio. In Italia, no.
In Italia, c’è Berlusconi, il figlio incontestabile del revisionismo costituzionale.
Le sue dichiarazioni, i sui intenti sono insieme risibili, irritanti, rivoltanti. Risibili perché pretenderebbe lo scioglimento della sola Camera dei deputati ove è sicuro di non avere la maggioranza. Lo pretenderebbe allo scopo di infliggere una punizione a chi lo sfiducia, come se fosse dovere costituzionale, politico, morale, avere fiducia in lui. Come se potesse configurarsi un valore costituzionale nel preservare la Camera che non lo sfiducia, garantendo ai senatori il prosieguo della legislatura. Ma sopratutto assicurandosi che l’elezione anticipata del Senato non gli riservi il risultato che a Prodi costò la maggioranza al Senato, stante il marchingegno escogitato con la legge elettorale che volle imporre e che fu sciaguratamente promulgata, senza il doveroso rinvio alle Camere per le eclatanti incostituzionalità che conteneva e contiene.
Sono irritanti perché ancora una volta mirano ad insidiare, condizionare, incrinare l’esercizio del potere del Presidente della Repubblica, il garante politico della Costituzione e quindi della nostra democrazia. Al quale soltanto spetta perciò il potere di scioglimento delle Camere, come fin dal 1953 insegnò Guarino, maestro del costituzionalismo repubblicano italiano. Lo scioglimento delle Assemblee parlamentari è “atto non di parte”, non può neanche essere sospettato di parzialità e deve essere funzionale solo alla dinamica del sistema. Limitato ad uno solo dei rami del Parlamento non potrebbe mai esserlo. Permetterebbe infatti la possibilità che si determini una opposta composizione politica di un ramo rispetto all’altro, in ragione dei mutamenti che intervengono negli orientamenti del corpo elettorale. Una preoccupazione del genere non è neanche immaginabile per chi è disceso in politica per sottrarsi col patrimonio accumulato al rigore della legge penale.
Sono infine rivoltanti le dichiarazioni di Berlusconi perché dimostrano la sua concezione delle istituzioni, della politica, della Repubblica. Tutte, tutte distorte, tutte piegate, asservite al suo miserabile interesse personale. Constatarlo è triste, mortificante. Ma farlo è doveroso. Incita alla lotta.
Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics