Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

19/02/2011
Dimissioni del governo versus scioglimento anticipato (di Pietro Ciarlo)


Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuzione, come ha fatto anche di recente Lorenza Carlassare. Ciò non toglie che siamo in una situazione di straordinaria emergenza. Una maggioranza di nominati, che mai sarebbero nuovamente in Parlamento senza Berlusconi, difende ad oltranza un Presidente del Consiglio ormai indifendibile da tutti i punti di vista. In verità, sostenendo Berlusconi, i parlamentari di maggioranza tutelano innanzitutto sé stessi, le proprie cariche, le proprie prebende. Il meccanismo della responsabilità politica, tra premi di maggioranza, investiture dall’alto dei parlamentari e controllo delle televisioni si è completamente bloccato. Le sanzioni espressione della responsabilità politica in questa fase non funzionano. Qui sta la vera emergenza costituzionale.
Nel corso di trenta anni, a partire dai cosiddetti “decreti Berlusconi” che sanarono l’appropriazione abusiva dell’etere, fino alla vigente legge elettorale, pezzettino dopo pezzettino, con la colpevole acquiescenza di troppi, è stato costruito un sistema istituzionale del tutto atipico che una Costituzione normale come la nostra non è più in grado di regolare. Ad esempio, la Costituzione non prevede l’impedimento per il Presidente del Consiglio nel presupposto che la sua sostituzione avvenga attraverso gli ordinari canali della responsabilità politica. Le norme costituzionali possono essere tirate per coprire le nuove fattispecie, ma al di là di un certo grado di tensione la norma stessa si rompe, facendo venir meno anche quel poco di garanzia che comunque, finanche in questa fase, assicura.
Traducendo nello specifico dello scioglimento anticipato, è pur vero che firma e controfirma hanno un “valore istituzionale” diverso a seconda dei differenti atti cui si riferiscono o delle differenti circostanze in cui medesimi atti vengono adottati. Per chiarire meglio ciò che voglio dire utilizzo l’espressione “valore istituzionale” al fine di evidenziare quel fenomeno secondo cui anche atti a forma tipica, nonostante la tipicità della forma, possono avere una diversa capacità di produrre effetti a seconda del contesto politico nel quale essi vengono adottati. In definitiva stiamo parlando di una area di tipica interferenza tra politica e diritto, come ce ne sono molte in ambito costituzionalistico. Dall’equilibrio tra questi diversi parametri deriva il “valore istituzionale” della firma e della controfirma. Come è noto, ove un governo si dimetta e non risulti possibile formare una nuova maggioranza, la decisione sostanziale dello scioglimento anticipato è tutta riferibile al versante governo-maggioranza tanto da potersi parlare di autoscioglimento. In una situazione di emergenza costituzionale come quella attuale le cose stanno in modo specularmene opposto. Ma questa constatazione non può indurre il Presidente della Repubblica a comportarsi come se l’istituto della controfirma non esistesse. Del resto soluzioni diverse delineano percorsi nei fatti impraticabili che, inoltre, potrebbero generare mostri incoercibili ove la Presidenza della Repubblica dovesse cadere in mani sbagliate.
La progressiva delegittimazione politica del Presidente del Consiglio sta facendo assumere un sempre maggiore valore istituzionale ad un Presidente della Repubblica che, viceversa, non ne sbaglia una. Ma qui si deve fare attenzione. Non bisogna spingere Napolitano all’emanazione di atti che non può fare e non è opportuno che faccia. Ove mai egli adottasse un decreto di scioglimento anticipato chi e come ne curerebbe l’effettiva esecuzione? Certo non i “resistenti”, non quel Parlamento, quel Governo e quel Ministro degli interni che invocando l’assenza della controfirma avrebbero gioco facile a sostenere l’illegittimità del decreto presidenziale. Argomenti formali e forza di inerzia sarebbero tutti a favore di chi non volesse abbandonare gli incarichi. Nel nostro sistema politico e costituzionale non c’è nessuno che ha il potere o la forza di dissolvere una maggioranza e un governo contro il loro volere. Bisogna costruire le condizioni politiche perché si arrivi alle dimissioni, come si dice con un eufemismo, “spontanee”, del Presidente del Consiglio. Anche in Egitto è andata più o meno così.
Essere sconfitti da un regime agonizzante produce danni gravissimi. Ero nettamente contrario alla presentazione di una mozione di sfiducia dall’esito incerto, lo ho detto con tutta la forza che avevo a chi prima del 14 dicembre ha avuto la cortesia di chiedere la mia opinione, ma non ho convinto nessuno. Come nessuno convinsi nella scorsa legislatura quando si volle presentare una questione di fiducia ad altissimo rischio e a benefici zero. Sorprende come ad un personale politico di grande esperienza parlamentare sia sfuggito che la presentazione di una mozione di sfiducia, come di norma, avrebbe spinto al compattamento la maggioranza. Questo grave errore di politica istituzionale ci ha riportato indietro e di molto. In verità, il centrosinistra, al governo o all’ opposizione, è perennemente impegnato a guardarsi l’ombelico.
L’ opinione pubblica di centrosinistra né, tanto meno, noi costituzionalisti possiamo spingere il Presidente della Repubblica ad adottare atti suicidi che poi diventano dei veri e propri boomerang. Non si può costringere il diritto a fare le veci della politica. I processi a Berlusconi sono procedure giudiziarie che hanno importanti ricadute politiche. Abbiamo una fortuna. Tutte le istituzioni del Paese, dal Presidente della Repubblica alla Magistratura, dalla polizia giudiziaria alla Corte Costituzionale, stanno facendo correttamente il loro mestiere e per questa ragione si stanno creando delle oggettive sinergie che in modo sempre più efficace mostrano l’improponibilità politica di questo governo. Le istituzioni stanno facendo la loro parte. E’ l’opposizione politica che non è adeguata. Conosciamo lo stato dell’informazione nel nostro Paese, sappiamo che l’ultima notizia scaccia quella del giorno prima, ma l’incapacità di costruire narrazioni da parte dell’opposizione è veramente sorprendente. I nomi di Previti, dell’Utri, Scaiola, Lunardi, Carboni, Verdini, Bertolaso, Anemone, o di sodali proposti come ministri solo per evitare una condanna, sembrano provenire da un lontano passato. Finanche la descrizione di un vecchio malato fatta da una moglie avvilita, sembra consegnata all’oblio, nonostante le turbe del comportamento appaiano sempre più evidenti. Per quel che ci riguarda più da vicino, anche noi giuristi, non riusciamo a narrare la destrutturazione dell’ordinamento provocata da una legislazione incoerente, volta a nutrire di annunci l’opinione pubblica piuttosto che a creare effetti reali. In questa fase l’argomento giuridico può essere un importante valore aggiunto della politica, ma non può sostituirsi ad essa e se volesse farlo non ci riuscirebbe, anzi provocherebbe ricadute inevitabilmente dannose. La vita delle costituzioni si nutre di politica. Credo che in questa fase il compito precipuo dei costituzionalisti sia quello di fornire argomenti per mostrare con la maggiore efficacia possibile che siamo dinanzi ad una presidenza del Consiglio dei ministri aliena ed alienata che opera in modo sostanzialmente difforme dalla Costituzione a partire dalla permanente violazione del principio del buon andamento e dell’ imparzialità della pubblica amministrazione. Bisogna evidenziare meglio, nel merito, i disastri che questo governo sta compiendo e come sia lo spirito stesso della Costituzione ad esigere le dimissioni del presidente del Consiglio e del suo governo, che portino poi ad un altro esecutivo o allo scioglimento non rileva.
Napolitano sta facendo benissimo a mostrare la sostanza delle questioni, ma cerchiamo di non forzarlo a decisioni improprie e perciò, alla fine, autolesioniste.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics