Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

29/03/2011
Attuare lo Statuto delle Nazioni Unite (di Gianni Ferrara)


Da trenta anni gli stati hanno abdicato a favore del mercato il loro potere in economia e sulle relative pertinenze. Ne è derivata la depauperazione della politica, con la sottrazione dell’afflusso di personale di alto livello nei ceti dirigenti degli stati, con le conseguenze che l’Occidente sta pagando per l’incapacità di governare il capitalismo finanziario e i disastri delle sue ricadute. Ma la pessima gestione politica della crisi scoppiata in tutto il Nord dell’Africa e nel medio Oriente islamico sta dimostrando l’inadeguatezza complessiva della destra, al governo nella maggior parte dei Paesi occidentali, a governare il mondo senza distruzioni e senza massacri. Dall’abdicazione della politica è scaturita anche la depressione dell’antagonismo delle classi subalterne. Le ha frammentate, ne ha mistificato i bisogni, ne ha sfumato gli ideali, ne ha delegittimato la cultura, infondendole quella, più o meno imbellettata, dell’avversario di sempre. Ne ha così sterilizzato la capacità di produzione e di elaborazione del potenziale critico adeguato alle sfide attuali della mondializzazione, abbandonandole poi alla manipolazione dei capipopolo.
Fallisce la destra ed impressiona la incapacità della sinistra, tutta intera, di ritrovare una strategia politica di respiro mondiale. Una strategia che sarebbe ed è, invece, indispensabile come prospettiva, condizione, visione, fondamento per ciascuna sinistra in ciascuna parte di ciascun continente. L’internazionalismo si è atrofizzato. La ”seconda potenza mondiale”, internazionalista e pacifista, che all’inizio del 2000 si affacciò sul mondo mobilitando milioni e milioni di esseri umani contro ogni guerra, si è dissolta. C’è da domandarsi seriamente il perché. Non è da escludere, credo, che la scomparsa di tale “potenza” sia derivata dalla sua incapacità di esercitare il potere che aveva acquisito. Perché esercitarlo significava trattare. Sì, trattare con gli stati. Con ciascuno degli stati di riferimento da parte di ciascuna articolazione nazionale del pacifismo internazionale. Per ottenere quanto più semplice ed ovvio si possa e si debba chiedere. Rendere credibili le promesse, gli impegni, le norme dello Statuto delle Nazioni Unite. Pretendere cioè che l’ONU diventasse fedele a se stessa, al suo compito, alla sua ragion d’essere, quella di “salvare le future generazioni dal flagello della guerra”. Nulla di più rispondente alla cultura dell’ordine può esserci al mondo, nulla di più legale può concepirsi che la pretesa della legalità. Certo, una legalità diversa, opposta a quella che aveva dominato il mondo e ancora lo domina. Esattamente quella che avrebbe dovuto inventare e realizzare l’ONU, per eseguire il mandato conferitole dai popoli vittoriosi nella guerra rivoluzionaria antifascista.
La pace, per non restare inutilmente confinata nell’azzurro dei cieli, ha bisogno di forza, di quella adeguata a reprimere, in ogni pluralità di donne e di uomini, la violenza dei singoli, solitari o aggregati che siano, in bande, in mafie, o anche in partiti ed anche negli e per gli stati. Ha bisogno di forza regolata ed istituzionalizzata, perché non è altrimenti credibile, e, se non è credibile, non è. Non lo è e non lo sarà mai pienamente una delibera del Consiglio di sicurezza. Non soltanto perché composto anche dai membri provvisti del potere di veto che possono usare ed usano anche per sottrarsi al diritto che dettano. Non lo sarà soprattutto perché l’esecuzione di tali delibere è affidata agli “stati volenterosi”, fatalmente sospetti di inquinare con i loro interessi il se e i modi di esecuzione delle delibere. Infatti, quante di quelle relative ai diritti dei palestinesi non sono state eseguite? Nello Statuto dell’ONU questa forza organizzata era stata prevista, al Capo VII. Se ne rinviò sine die l’attuazione a causa della guerra fredda che è finita però da venti anni. Sarebbe tempo quindi di riprendere la questione dell’attuazione di quella istituzione essenziale allora, essenziale ora.
Essenziale per noi. Il “ripudio della guerra” sancito dalla nostra Costituzione, stante l’univoco suo significato letterale e stante lo spirito che lo impose, dovrebbe impedirci di fare i “volenterosi” se e quando l’esecuzione delle delibere del Consiglio di sicurezza, per i contenuti o anche per i modi di realizzazione, configuri dubbi, anche solo dubbi, di coerenza con gli obbiettivi “della pace e della giustizia” tra le Nazioni. So bene che questa interpretazione della norma costituzionale non è accolta. So bene che si preferisce una interpretazione che privilegia la subordinazione pura e semplice alle decisioni del Consiglio di Sicurezza. Ma conciliare quest’obbligo con la rigorosa applicazione di una norma costituzionale che segna l’alta civiltà giuridica raggiunta dalla lotta per il diritto con la nostra Costituzione dovrebbe essere un dovere per tutti noi. Per ricollegarci ad un stagione alta della storia del mondo e rilanciare dall’Italia una proposta credibile per la pace.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics