Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

06/06/2011
Le conseguenze del trasferimento del quesito referendario sul nucleare. Il caso del voto già espresso degli italiani residenti all’estero (di Gaetano Azzariti)



Il 12 e 13 giugno gli italiani potranno recarsi alle urne per votare – oltre che sull’acqua e sul legittimo impedimento anche – sul nucleare. Così ha stabilito l’Ufficio centrale della Cassazione, adottando una decisione la cui soluzione era attesa, e che questa Rivista aveva indicato subito dopo l’approvazione dell’emendamento “truffa” da parte del Senato (vedi, nella rubrica “Emergenza costituzionale”, G. Azzariti, Una soluzione per il referendum sul nucleare, inserito il 30.4. 2011). Per salvare il diritto ad esprimersi sulla questione nucleare la Corte “Suprema” ha però dovuto operare il “trasferimento del quesito” su una parte della normativa appena approvata dal Parlamento; quella parte della nuova disciplina all’origine dell’inganno anti-referendario e perciò ritenuta non sufficiente per impedire la pronuncia del corpo elettorale. In tal modo si è rigorosamente applicato quanto, in tempi non sospetti (nell’ormai lontano 1978), venne a stabilire la Corte costituzionale. Dunque del tutto infondata è la solita accusa rivolta ai giudici di avere operato “una scelta politica, tentando l’ultima spallata al premier”.
La via anzi è apparsa obbligata, non potendosi certamente conservare il quesito originario che aveva ad oggetto leggi non più esistenti (abrogate proprio dal Parlamento per tentare di aggirare il referendum), dovendosi però conservare il “principio ispiratore” che aveva indotto i cittadini a richiedere l’abrogazione della normativa filo-nucleare, ribadita anche nella nuova legge.
Anzi, in qualche modo può dirsi che la questione sottoposta agli elettori è ora addirittura più chiaramente definita. Non verte tanto su una specifica normativa (che può sempre essere cambiata, conservando però lo stesso spirito, come dimostra l’attuale vicenda), ma sul “principio” della scelta nucleare. Ciò renderà politicamente più difficile - dopo il referendum, se questo avrà successo - al Governo e a qualsiasi futura maggioranza di tornare a proporre una pur diversa strategia filo-nucleare. In fondo una garanzia ulteriore affinché il responso popolare venga poi rispettato.
Vero è però che la nuova situazione in cui ci si viene a trovare genera alcuni delicati problemi pratici e di natura interpretativa. Oltre alla necessità di predisporre entro il breve tempo che ci separa dal 12 giugno le nuove schede sui quesiti modificati per assicurare il diritto di voto a tutti gli italiani aventi diritto, anche – e soprattutto – di garantire il diritto di voto già espresso dagli italiani residenti all’estero. I quali si sono già pronunciati, ma sul “vecchio” quesito, non invece su quello introdotto tramite il “trasferimento” operato dalla Cassazione. Non starò qui a dire che ciò avrebbe dovuto impedire l’approvazione della nuova legge oggi oggetto del referendum, in quanto, se è vero che il Parlamento è libero di modificare la legge anche successivamente all’indizione del referendum abrogativo (lo ha affermato proprio la citata sentenza della Corte costituzionale del 1978), è da dubitare però che tale potere possa estendersi anche dopo l’inizio delle operazioni che riguardano l’elettorato residente all’estero. Sarebbe stata questa un’altra ragione di invalidità della legge “truffa”, che avrebbe potuto ostacolare la promulgazione. Ma tant’è.
Si tratta ora di individuare la migliore soluzione giuridica che possa garantire il rispetto dei valori costituzionali coinvolti. Anche per evitare il rischio che al danno si aggiunga la beffa. Poiché non ritengo possibile riaprire la procedura elettorale solo per gli italiani che hanno già espresso il voto fuori dai confini nazionali (non ci sono i tempi e neppure le condizioni), poiché inoltre sarebbe lesivo del diritto fondamentale al voto dei nostri concittadini residenti all’estero invalidare le loro schede, ritengo che la soluzione sia quella di considerare validi i voti espressi in base al “principio ispiratore” comune che giustifica il referendum stesso. Se è vero infatti, come ha affermato l’Ufficio centrale, che ciò che dà senso al quesito referendario non è la sua formulazione letterale (che è stata infatti modificata), bensì il rispetto del “principio” che sostanzia la domanda posta al corpo elettorale, non vi è dubbio che chi ha votato o voterà “sì” vuole escludere l’opzione nucleare in Italia. È questo il “principio ispiratore” comune che va salvaguardato e che accomuna il voto dei residenti e di chi non lo è.
Un’ultima annotazione. È evidente che la soluzione proposta guarda alla sostanza e al rispetto dei valori costituzionali in gioco e cerca una risposta in una situazione di difficile o impossibile soluzione in base a canoni giuridici esclusivamente formali. A tal proposito però credo non sia irrilevante notare che dinanzi ad una forzatura costituzionale accertata – sia dall’Ufficio centrale, ma anche dalla Corte costituzionale che martedì dovrà esaminare l’operato della Cassazione - diventi necessario far valere il rispetto dei superiori principi costituzionali per ribadire il valore delle regole e delle forme giuridiche ordinarie.
Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics