Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

03/10/2011
Le parole del Presidente Napolitano sulle ipotesi di “secessione padana” (di Massimo Villone)


A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video).; E Bossi rilancia: referendum per secessione, La Repubblica.it, 19 set. 2011.). Napolitano risponde subito che agitare ancora la bandiera della secessione significa porsi fuori della storia e della concreta realtà del mondo d'oggi(Il Presidente Napolitano sulla secessione (video)). Reguzzoni, capogruppo leghista alla Camera, obietta che al di sopra del Capo dello Stato c’è il popolo sovrano, e che esiste il principio di autodeterminazione dei popoli(Reguzzoni sul popolo sovrano e sull’autodeterminazione (video)). Il 30 settembre a Napoli, parlando agli studenti e ai docenti della Facoltà di giurisprudenza dell’Università Federico II, Napolitano rincara la dose: non esiste un popolo padano; è ridicolo rispolverare uno Stato lombardo-veneto; fin quando si strilla su un prato va bene, ma se si andasse oltre lo Stato non potrebbe non reagire, come del resto già accadde nell’immediato dopoguerra nei confronti del separatismo siciliano(Secessione, Napolitano durissimo con la Lega "Gridano sui prati, popolo padano non esiste", La Repubblica.it, 30 set. 2011). La protesta dei leghisti si alza violenta. Parole minacciose e destabilizzanti, quelle di Napolitano(Napolitano insiste: “Il Paese o cresce insieme o non cresce”. Rivolta della Lega, Il Fatto quotidiano, 1 ott. 2011; Calderoli pizzica Napolitano. Riforma o autodeterminazione, Libero-news.it, 1 ott. 2011).
Una secessione è il distacco unilaterale di una parte del territorio da uno Stato, al fine della formazione di un nuovo Stato indipendente e sovrano, o dell’aggregazione a un altro Stato preesistente. È comunque un evento traumatico, dal momento che il distacco è voluto e praticato da una parte sola. Furono atti di secessione quelli degli Stati del Sud che abbandonarono tra la fine del 1860 e l’inizio del 1861 la federazione statunitense. Ne venne la guerra civile. Non si può mai parlare di secessione come se fosse un tè delle cinque.
Ma – dicono i leghisti – la secessione si fonda sul diritto di autodeterminazione dei popoli. È richiamato dall’art. 1, comma 2, della Carta delle Nazioni Unite(Carta Nazioni Unite, art. 1, comma 2). Il Patto internazionale sui diritti civili e politici, del 1966, dispone all’art. 1, comma 1: “Tutti i popoli hanno il diritto di autodeterminazione. In virtù di questo diritto, essi decidono liberamente del loro statuto politico e perseguono liberamente il loro sviluppo economico, sociale e culturale”. Per il comma 3 gli Stati contraenti debbono promuovere l’attuazione del diritto di autodeterminazione e rispettare tale diritto(Patto internazionale sui diritti civili e politici, art. 1, commi 1 e 3). Il Patto è stato ratificato dall’Italia con legge L. 25 ottobre 1977, n. 881(L. 25 ottobre 1977, n. 881, in G.U. 7 dicembre 1977, n. 333 (suppl. ord.). E dunque non è dubbio che il principio di autodeterminazione nei termini anzidetti sia stato introdotto nel nostro ordinamento giuridico.
Ma allora hanno ragione i leghisti? No. Anzitutto, l’autodeterminazione presuppone l’esistenza di un popolo. Un concetto che certo non si applica a qualsiasi aggregazione di persone per il solo fatto di coesistere in un medesimo territorio. Presuppone una individuazione identitaria: per etnia, lingua, religione, storia, cultura o altro. In effetti, proprio il territorio non è elemento indispensabile. Ad esempio, esiste un popolo Rom, non legato a una collocazione geografica specifica, e che tuttavia mantiene e custodisce altri connotati che lo qualificano come popolo. Mentre il “popolo padano” non presenta alcuna caratteristica percepibile che lo distingua dagli altri italiani, salvo forse la maggiore e più spiccata voglia di pagare meno tasse, e di tenere tutti per sé i proventi di quelle pagate.
Del resto, quand’anche in un medesimo Stato convivano più popoli in senso proprio, ciò non attribuisce ad alcuno un automatico diritto alla secessione. È necessario che ci si trovi di fronte a situazioni di sopraffazione, violazione di diritti, negazione dell’identità. La Corte Suprema del Canada, dopo i referendum secessionisti del Quebec (1980 e 1995), ha seccamente rigettato l’ipotesi che il diritto internazionale garantisse al Quebec un diritto alla secessione unilaterale(In re: Secession of Quebec, [1998] 2 S.C.R. 217. La House of Commons canadese ha poi approvato a larga maggioranza, il 27 novembre 2006, una mozione di iniziativa governativa per cui “the Québécois are a nation within a united Canada”. L’ampio consenso non ha cancellato il dubbio che ne venissero favorite nuove tensioni secessioniste). Tra l’altro argomentando che di diritto all’autodeterminazione nemmeno si parla laddove i secessionisti si autogovernano in casa propria con ampi poteri. È appena il caso di rilevare che proprio questo accade con la Lega: al governo di regioni ed enti locali nei territori “padani”, ed anche a Roma da anni.
Ma si potrebbe comunque praticare una via democratica alla secessione, in specie attraverso un referendum “padano”?
Compatibilmente con la Costituzione in vigore, certamente no. Anzitutto, il referendum è consentito solo per l’abrogazione di leggi vigenti (art. 75) o per la formazione di leggi costituzionali (art. 138). Altre forme non sono né previste né consentite. E in ogni caso osta il dettato dell’art. 5 Cost.: la Repubblica è “una e indivisibile”. Una secessione comporta sempre una separazione di parte del territorio. E dunque “divide”. Il principio della indivisibilità comprende certamente anche un profilo di integrità territoriale. E si opporrebbe – come limite alla revisione costituzionale - a una modifica della Costituzione che volesse introdurre referendum di autodeterminazione.
Infine, il popolo sovrano. Come stabilisce l’art. 1, la sovranità popolare si esercita nelle forme e nei limiti previsti dalla Costituzione. E dunque non c’è, né sul tema della secessione né su qualsiasi altro, alcun supremo volere popolare che possa stravolgere l’architettura di checks and balances scritta in Costituzione.
Bene ha fatto il Presidente Napolitano – nel rispondere a una domanda che proprio io gli ho posto – a usare parole nette e chiare. Sarà pur vero che i leaders leghisti ritrovano antichi mantra per tenere a freno una base sempre più riottosa e scontenta per la pessima azione di governo, e per la coabitazione con sgradevoli coinquilini. Ma sulle cose serie – come l’unità del paese – non si scherza, mai.

Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics