Questa Rivista pubblica esclusivamente i contributi richiesti dalla Direzione


Presentazione del sito
Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro "punto di vista", le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti...(continua)

10/11/2011
Grecia. Il referendum promosso e rimosso (di Gianni Ferrara)


Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squaderna nei suoi termini esatti quale sia e cosa comporti lo status di membro dell’Unione europea. Sembrava del tutto legittima quell’iniziativa referendaria. La Costituzione greca (art. 44) prevede infatti che si ricorre al referendum se a proporlo è il Consiglio dei ministri e lo decida la maggioranza assoluta dei deputati per “gravi questioni nazionali”. Così come se a richiederlo siano i 2/5 dei deputati su un legge, votata dai 3/5 del plenum della Camera dei deputati (è unicamerale il Parlamento greco) che riguardi “un importante problema sociale”. È fuori di dubbio che ricorra l’una e l’altra ipotesi nella decisione sul piano di austerità imposto alla Grecia dalla Commissione europea, dalla Bce e, sostanzialmente, dalla diarchia Merkozy.
L’annunzio di Papandreu ha però scandalizzato la Merkel, Sarkozy e tutti i guardiani dei principi, delle norme dei Trattati europei e degli atti che ne applicano le disposizioni. La protesta è stata fortissima, violenta, argomentata e munita di decisivi strumenti di persuasione. Papandreu ha mollato. Il referendum non ci sarà. Lo scandalo della promozione è sanato dallo scandalo della rimozione. Chi aveva visto nel referendum l’inizio di una risposta politica all’irresistibile offensiva della finanza, la possibilità che la democrazia potesse dar qualche segno di vita destandosi dalla narcosi praticatale dalla ideologia capitalistica, si domanda se c’è oggi un limite alla dominanza del neoliberismo globale.
Si può rispondere. Un limite e anche più che un limite c’era. Una efficace neutralizzazione, non risolutiva, certo, ma incisiva, dell’assolutezza del potere del capitale era pur stata disegnata. Il movimento operaio e democratico, assumendo e rinnovando il costituzionalismo, la aveva incorporata nelle Costituzioni del Novecento. Proprio in quelle Costituzioni che sono state avvolte, qui in Europa, dalla cappa asfissiante dei Trattati europei, dall’Atto unico a quello Maastricht, fino a quello di Lisbona. Trattati che hanno avuto come obiettivo proprio la normativizzazione dell’ideologia neoliberista, con la compressione dei diritti sociali e lo svuotamento delle conquiste di civiltà raggiunte a metà del secolo scorso. Al di là delle tante e vuote declamazioni roboanti, hanno elevato “il principio di una economia di mercato aperta ed in libera concorrenza” a fondamento supremo ed a compito inderogabile dell’Unione europea (artt. 119 e ss. del Trattato sul funzionamento dell’Ue).
A scandalizzarsi prima e ad imporsi poi, il duo Merkozy ha avuto dalla sua parte il Trattato sull’Ue. Sì, quello vigente, che al suo art. 4 riconosce agli stati membri “qualsiasi competenza non attribuita all’Unione”. Istituendo però l’Unione “economica e monetaria, la cui moneta è l’euro”, tale Trattato ha sottratto agli stati le competenze relative, le ha deferite all’Ue. È entrata così nelle attribuzioni esclusive delle istituzioni dell’Ue quella materia sulla quale Papandreu pretendeva di far decidere il suo popolo. Un tentativo onesto ma maldestro di sfuggire agli obblighi derivanti a quel popolo, come agli altri, dall’adesione all’Ue con la connessa cessione della competenza sovrana sull’economia e sulla moneta. Lo scandalo è in questa cessione di sovranità a favore di istituzioni costruite per rispondere ai soli dettami di una ideologia, quella neoliberista. Lo scandalo è nei Trattati, è nella costruzione istituzionale che disegnano e che sancisce l’esalazione della democrazia. Quando furono redatti e ratificati fummo pochi, troppo pochi ad opporci.
Il problema della democrazia in Europa, della liberazione della condizione umana dal neoliberismo, continentale o globale che sia, è evidentemente più vasto, più complesso, più arduo della disponibilità e dell’esercizio dell’istituto referendario (che implica comunque garanzie e cautele, come quella di assicurare che il voto sia libero da ogni pressione, da ogni ricatto e non abbia ad oggetto principi e diritti non negoziabili). Va affrontato nella sua interezza, per come si presenta oggi che molte delle istituzioni tradizionali risultano o logorate o mistificate o esaurite e quelle che sembrano emergere dalla società non riescono a utilizzare il lascito delle esperienze maturate.
Abbiamo ricevuto e volentieri pubblichiamo il test
18/07/2012
...
06/03/2012
Coordinatori: prof. Pietro Ciarlo e prof. Gianmario Demuro...
Notizie & Opinioni
13/02/2012
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/01/2012
1. Anche grazie agli appelli del Presidente della Repubblica i problemi della cittadinanza sono all’ordine del giorno. ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/11/2011
Credo che meriti attenzione un referendum che ha scandalizzato sia per essere stato prospettato sia per essere stato disdetto. È quello che intendeva indire Papandreu. Merita attenzione perché squader...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/10/2011
Il rifiuto dell’approvazione del rendiconto consuntivo dello stato, da parte della Camera dei deputati, l’11 ottobre scorso, invece di produrre i suoi effetti legittimi, ha dato la stura ad una serie ...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/10/2011
Su impulso del Governo l’Assemblea di Montecitorio ha cominciato la discussione sulle riforme costituzionali. Per due giorni la discussione ha riguardato la modifica dell’articolo 41, per poi decidere...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
03/10/2011
A Venezia, parlando al “popolo padano”, Bossi rispolvera il totem della secessione, vagheggiando di una via democratica e referendaria (Bossi: "Secessione nel Paese non c'è più democrazia" (video)...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/07/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/06/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/05/2011
Nell’ esperienza repubblicana i casi di rinvio presidenziale di leggi di conversione di decreti legge sono stati numerosi e hanno avuto molteplici motivazioni, come di recente ha ben documentato D...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
30/04/2011
Entro pochi giorni il Parlamento dovrebbe approvare in via definitiva la legge che mira a sterilizzare il referendum sul nucleare. A quel punto l’Ufficio centrale della Cassazione dovrà valutare se la...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2011
Il 7 aprile scorso il presidente del Consiglio dei ministri ha firmato un decreto che dichiara «lo stato di emergenza umanitaria nel territorio del Nord Africa per consentire un efficace contrasto all...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/04/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/03/2011
Le ragioni del costituzionalismo sono duramente messe alla prova dinanzi alla forza brutale e senza regole della guerra. C’è da rimanere ammutoliti di fronte ai fatti drammatici ai quali assistiamo. D...
Notizie & Opinioni
07/03/2011
Gaetano Azzariti, Diritto e conflitti. Lezioni di diritto costituzionale, Laterza; Lelio Demichelis, Società o comunità. L’individuo, la libertà, il conflitto, l’empatia, la rete, Carocci; Maria Rosar...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/02/2011
Lo scioglimento anticipato delle Camere si configura come un atto complesso, perciò, senza controfirma del Presidente del Consiglio dei ministri, al massimo si può ipotizzare un conflitto di attribuz...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/02/2011
Dopo l’ennesimo violento attacco alla magistratura, venerdì 11 febbraio 2011 Berlusconi si reca al Quirinale. Uno scarno comunicato rende noto che il presidente della Repubblica “ha insistito su motiv...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/02/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
02/02/2011
Il governo è in agonia, ma continua a rivoltarsi scompostamente. Fuori tempo massimo tenta di ritrovare nuova energia nell’ideologia neoliberista che era all’origine dei suoi successi “giovanili”. Era...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/01/2011
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/12/2010
Il ripudio della violenza è e deve essere assoluto. Se e fino a quando si vive in uno stato di diritto. Se e fino a quando lo stato è credibilmente tale. Deve essere assoluto quel ripudio per molte ra...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/11/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
26/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
22/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
11/10/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
20/08/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
29/06/2010
Sono state date letture diverse dell’asciutto comunicato presidenziale sul caso Brancher. Gran parte dei commentatori hanno inteso rilevare i profili legati al merito della vicenda, essenzialmente que...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
19/06/2010
Era del tutto evidente che il capitalismo globalizzato, il liberismo assoluto, il revisionismo storico, etico-politico ed istituzionale mirassero allo stesso obiettivo. Non era però scontato un impatt...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/06/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
27/05/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/05/2010
Secondo i dati ufficiali, al 30 aprile 2010 il numero dei detenuti è salito a 67452 a fronte di una capienza regolamentare di 44066. È di nuovo emergenza, come era facilmente prevedibile già all’indom...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
12/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
10/04/2010
Giovedì scorso sul Corriere della sera è stata pubblicata la sintesi della ennesima proposta di una c.d. “riforma della Costituzione”. Dobbiamo ritenere che nel fraseggio con cui viene presentata quel...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
09/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
07/04/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
25/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
18/03/2010
Solo il fragore mediatico sull’affaire liste PDL ha potuto mettere in secondo piano la definitiva approvazione in Senato - il 10 marzo 2010 – dell’AS 1996 sul legittimo impedimento. Un testo che conse...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
08/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
06/03/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
17/02/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
21/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
15/01/2010
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
05/01/2010
Il ministro Brunetta ha dichiarato che non significa nulla aver stabilito, al primo articolo della nostra Costituzione, che “L’Italia è una repubblica democratica fondata sul lavoro”. Delle due l’una....
EMERGENZA COSTITUZIONALE
16/12/2009
...
EMERGENZA COSTITUZIONALE
14/12/2009
...



Sulla Teoria costituzionale | Cosituzionalismo alla prova | Commenti | Notizie costituzionali | Cerca nel Sito | Redazione

web statistics