FASCICOLO 1 | 2008

17 NOVEMBRE 2008

Le riforme istituzionali nell’Unione europea dopo Lisbona: un equilibrio precario*

di Maria Pia Iadicicco

102982 battutePDF

1. Osservazioni preliminari e questioni di metodo

Nell’affrontare il tema dell’assetto istituzionale dell’Unione europea, la prima questione che si pone all’interprete è di natura eminentemente terminologica. Ci si può chiedere, infatti, se sia corretto o meno riferirsi a quel contesto con l’espressione “forma di governo”.

Una prima ragione, apparentemente poco significativa, può contribuire a sconsigliare l’uso di tale locuzione: il Trattato firmato a Roma nell’ottobre del 2004, nonostante adotti (rectius, dichiari di adottare) una Costituzione per l’Europa – e, dunque, investa complessivamente tanto il piano organizzativo, quanto quello assiologico – non si esprime nei termini anzidetti, ma il Titolo IV della Parte I, specificamente dedicato all’assetto organizzativo, si intitola «Istituzioni e organi dell’Unione».

Continua su PDF

Fascicolo 1|2008

Maggioritario/Trattato di Lisbona

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)