FASCICOLO 3 | 2008

13 FEBBRAIO 2009

Regolamenti parlamentari del 1971, indirizzo politico e questione di fiducia: un’opinione dissenziente

di Guido Rivosecchi

71569 battutePDF

Sommario: 1. Premessa su una tesi fuorviante: i regolamenti parlamentari del 1971 come anticipazione della “stagione consociativa”. 2. Il difficile equilibrio tra rappresentanza e decisione. 3. La disciplina della questione di fiducia. 4. Considerazioni conclusive.

1. Premessa su una tesi fuorviante: i regolamenti parlamentari del 1971 come anticipazione della “stagione consociativa”

Vi è un’interpretazione tanto diffusa quanto fuorviante dei regolamenti parlamentari del 1971, che tende a considerarli, sia pure con diverse sfumature, come una sorta di anticipazione della futura stagione consociativa[1], o, comunque, individua nella “maggioranza regolamentare” che si formò attorno a quell’opzione riformatrice – soprattutto per effetto dell’inclusione del principale partito di opposizione (PCI) – una prima forma di sperimentazione delle maggioranze dei successivi governi di solidarietà nazionale[2]. Di qui, ancor oggi, le note polemiche sulla vocazione assembleare dell’impianto dei regolamenti parlamentari, fatto risalire a quella stagione politica e a quella svolta riformatrice[3].

Continua su PDF

Fascicolo 3|2008

diritti e regime

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)