FASCICOLO 1 | 2009

30 MARZO 2009

Libertà della scienza come premessa della libertà di insegnamento *

di Piero Bellini

50245 battutePDF

1. È dato per scontato – negli anni in cui viviamo – che la “libertà del sapere” costituisca il necessario presupposto perché si possa vivere una esperienza culturale edificante: e si possa poi trasmettere le nostre acquisizioni, ponendo coloro che ci leggono e ci ascoltano non solo in condizione di apprendere, e di far proprio ciò che è consegnato alla loro attenzione e comprensione, sí anche in condizione di ripensare criticamente quanto appreso e spingersi oltre verso orizzonti più spazianti. Ciò diamo per pacifico. Ce lo garantisce la Costituzione democratica: «L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento». E di conforto [per chi riponga la sua fede nella religione dominante] è la Costituzione pastorale Gaudium et Spes là dove attesta essere «proprio della persona umana il non poter raggiungere un livello di vita veramente e pienamente umano se non mediante la cultura». In questo stato d’animo – forti di questa convinzione – non sempre ci viene da riflettere su quali e quante sorde inibizioni [di matrice religiosa, politica, ideologica] abbiano nei secoli annebbiato la lucidità penetrativa di generazioni e generazioni di uomini di studio. Né sempre ci viene da riflettere sugli infiniti impedimenti autoritativi che quegli uomini hanno dovuto affrontare, e hanno saputo superare: con personale abnegazione, e personale rischio. Manca però anche di procedere la nostra albagia intellettualistica a una disamina sufficientemente meditata di quanto una sequela di remore mentali seguiti tuttora ad insidiare e a contenere la nostra effettiva libertà in fatto di cimento intellettivo. Ciò sia che ci si volga [secondo la formola d’un tempo] alla «natura che è fuori di noi», sia che ci volga alla «natura che è dentro di noi»; sia che ci si dedichi alle artes dette un tempo “mechanicae”, sia che ci si dedichi a quelle che erano dette “liberales”. Guardiamo alla nostra libertà [nel campo scientifico come in tutti gli altri settori del sapere] come a un qualcosa di acquisito una volta per tutte: come a conquista non più controvertibile. Col che però dimentichiamo che – lungi dal poter considerarla come parte d’un patrimonio irreversibile – quella preziosa libertà [quali appunto i campi in cui s’intenda spenderla] è conquista di civiltà che va difesa giorno dopo giorno: senza che una improvvida inerzia intellettiva venga a far spazio a questi o quei fattori d’altro segno tendenti per l’un o l’altro verso a limitare la capacità dell’uomo di spendere a sua misura i suoi talenti.

Continua su PDF

Fascicolo 1|2009

Scuola e Università nella Costituzione

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)