FASCICOLO 1 | 2010

9 MARZO 2010

Neolingua costituzionale, governo dell'Amore e paranoia politica

di Luciano Patruno

14711 battutePDF

«The command f the old despotisms was “Thou shalt not”. The command of the totalitarians was “Thou shalt”. Our command is “Thou art”»[1]: «Il comandamento dei vecchi regimi dispotici era: Tu non devi. Il comandamento di quelli totalitari era: Tu devi. Il nostro comandamento è: Tu sei».

In 1984 di Orwell, è questa la spiegazione che il funzionario del Ministero dell’Amore (Ministry of love, Miniluv in neolingua) fornisce all’eretico Winston Smith per chiarirgli lo scopo dell’interrogatorio – apparentemente inutile – prima di ucciderlo. Al Ministero dell’Amore «non basta l’obbedienza negativa, né la più abietta delle sottomissioni», il suo compito è indurre all’obbedienza spontanea, favorire il passaggio dalla remissione all’accettazione per spontanea volontà. Il Ministero dell’Amore mantiene l’ordine e fa rispettare la legge controllando «la vita» «in tutti i suoi gangli» («We control life, Winston, at all its levels»), rendendo perfetto ogni cervello (immunizzandolo da errori e deviazioni) «prima di farlo saltare» («But we make the brain perfect before we blow it out»). L’interrogatorio ha per scopo una confessione dell’eretico che deve essere «sincera». L’eretico – spiega l’inquisitore O’Brien - «lo riportiamo al nostro fianco non solo apparentemente, ma nel senso più profondo e genuino, nel cuore e nell’anima. Ne facciamo uno dei nostri, prima di ucciderlo. È intollerabile, per noi, che anche un solo pensiero partecipe dell’errore possa esistere in qualche parte del mondo, pur se nascosto e innocuo. Anche nello stesso istante della morte non possiamo consentire alcuna deviazione»[2].

Continua su PDF

Fascicolo 1|2010

Sicurezza e libertà

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)