FASCICOLO 3 | 2010

26 GENNAIO 2011

Ricordare per legge (o leggendo un diario). A proposito del contributo di Henry Morgenthau sul genocidio armeno e delle leggi sulla memoria storica

di Daniela Bifulco

21547 battutePDF

1) “Chi si ricorda più del massacro degli armeni?”, chiedeva Hitler in un discorso pubblico del 1939, poco prima di invadere la Polonia. A parte i diretti interessati -gli armeni sopravvissuti, appunto- quell'eccidio perpetrato dai turchi tra il 1915 e il 1916 doveva essere ben presente alla memoria degli ebrei rinchiusi nel ghetto di Varsavia, se è vero che I quaranta giorni del Mussa Dagh erauno dei libri più letti in quel luogo. “Tragica profezia del futuro imminente”, il romanzo di Franz Werfel sul massacro degli armeni veniva letto come un precedente, entro i cui schemi reinserire non solo l'evento che gli abitanti del Ghetto stavano vivendo, ma anche l'oblio che al genocidio armeno aveva fatto seguito, come ha ricordato Anna Foa in un bel libro curato da Francesco Berti e Fulvio Cortese (Genocidi a confronto: una riflessione sull'unicità della Shoah, p. 55 ss., in Il crimine dei crimini. Stermini di massa nel Novecento, Franco Angeli, 2008). Quella lettura implicava un confronto su due livelli: quello della storia e quello della memoria, pur in un momento in cui la categoria stessa di “genocidio” non aveva ancora visto la luce (è nel 1948 che sarà formulata nel contesto internazionale) e la diatriba sulla “unicità” della Shoah non era ancora esplosa.

Continua su PDF

Fascicolo 3|2010

Sui 150 anni dall'unità d'Italia.

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)