FASCICOLO 2 | 2013

16 SETTEMBRE 2013

Fictio litis e sindacato di costituzionalità della legge elettorale. Può una finzione processuale aprire un varco nelle zone d’ombra della giustizia costituzionale?

di Elisa Olivito

Ricercatore in Diritto costituzionale - Università "La Sapienza" di Roma

68198 battutePDF

ABSTRACT


Nell’ordinanza n. 12060/2013, con cui è stata sollevata questione di legittimità costituzionale della legge n. 270/2005, la I Sezione civile della Corte di Cassazione si sofferma sulla corretta instaurazione del giudizio dinanzi alla Corte costituzionale, al fine di dimostrarne l’incidentalità. Nello scritto si sostiene che gli argomenti impiegati dal giudice a quo sono indici del ricorso a una fictio litis e che, ciononostante, in considerazione dei moniti della Consulta sulle problematicità della legge elettorale n. 270, l’utilizzo della finzione processuale non pregiudica necessariamente l’ammissibilità della dedotta questione di legittimità costituzionale. Sono, pertanto, indicate le circostanze, in presenza delle quali la sussistenza di una fictio litis non determina automaticamente l’inammissibilità della quaestio, ma impone semmai una considerazione delle ragioni per le quali quell’espediente è stato utilizzato. In particolare, occorre valutare se si ricade in una delle “zone d’ombra” della giustizia costituzionale e se, al contempo, è in gioco la garanzia di effettività di un diritto fondamentale.


In the order no. 12060/2013, through which a question of constitutionality of the statute n. 270/2005 was raised, the First Civil Section of the Court of Cassation (Cassazione) makes an effort to prove the “incidenter” character of its request for judicial review of legislation before the Constitutional Court. In the essay it is affirmed that the points used by the “judge a quo” are signs of the use of a fictio litis and that, nevertheless, considering the warnings of the Constitutional Court on the problematic nature of the electoral law n. 270, the use of a procedural fiction does not necessarily affect the “admissibility” of the alleged question of constitutionality. Therefore, there are circumstances under which the existence of a fictio litis does not automatically entail the “inadmissibility” of the quaestio, but rather requires a consideration of the reasons for which that device was used. In particular, it must be determined whether it falls into one of the "shadow areas" of the Italian judicial review of legislation and if, at the same time, it is at stake the very guarantee of a fundamental right.

Continua su PDF

Fascicolo 2|2013

Il tempo della crisi: Presidente della Repubblica e revisione costituzionale

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)