FASCICOLO 2 | 2013

15 OTTOBRE 2013

Della problematica convivenza tra democrazia e partiti

di Alfio Mastropaolo

Professore ordinario di Scienza della politica - Università degli studi di Torino

145780 battutePDF

Abstract


Questo articolo vuol sollevare quattro questioni. La prima è il rapporto tra democrazia e partiti: quanto è intimo il loro rapporto? La seconda è la democrazia interna ai partiti: come possiamo misurarla. La terza questione è il cambiamento dei partiti: perché mai i partiti radicati socialmente, che avanzavano rivendicazioni egualitarie e tessevano coesione sociale, sono stati sostituiti da partiti concentrati sul marketing elettorale e sull’acquisizione di cariche pubbliche? L’ultima questione è la cosiddetta crisi dei partiti: i partiti
sono in crisi o hanno solo subito una radicale ristrutturazione produttiva?


This paper's goal is to discuss four substantial issues. The first one concerns the relation between democracy and political parties: is it really that close as some argue? The second issue regards the degree of democratic practices within political parties: how should it be measured? The third one concentrates on the change of mass parties: how do we explain the radical shift of priorities as the social creed of egalitarian welfare has been replaced by an electoral-marketing system whose rationale is seeking electoral consensus by all means? The last issue portrays the so-called crisis of parties: how real is it? Have parties undergone such a radical restructuration in terms of political production and offer?

Sommario: 1. Dall’America all’Europa. - 2. La democrazia e i partiti. - 3. La democrazia nei partiti. - 4. Come e perché sono cambiati i partiti? - 5. La pretesa crisi dei partiti.

 

1. Dall’America all’Europa

C’erano una volta i partiti americani. Dei quali, ahimè, è assai diffusa una rappresentazione distorta e semplicistica, tributaria per lo più delle critiche considerazioni weberiane,[1] a loro volta tratte dalle osservazioni di prima mano, non sappiamo però quanto attendibili, di James Bryce[2] e Moisei Ostrogorski,[3] autori di due fra i testi più noti sulla democrazia d’oltre oceano. Su quella sponda dell’Atlantico il suffragio universale aveva cominciato a divenire effettivo nell’età di Jackson, dunque a partire dagli anni Trenta del XIX secolo, e colà, con largo anticipo rispetto all’esperienza europea, non solo erano sorti, come testimonia una letteratura ricchissima,[4] i primi grandi partiti popolari, ma era pure stato adottato il modello del party government, che in Europa prenderà forma solo a Novecento inoltrato.[5]

Continua su PDF

Fascicolo 2|2013

Il tempo della crisi: Presidente della Repubblica e revisione costituzionale

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)