FASCICOLO 1 | 2015

25 MARZO 2015Il lavoro nella Costituzione oggi

Precarietà del lavoro, occupazione e crescita economica: una ricostruzione critica del dibattito

di Guglielmo Forges Davanzati* e Gabriella Paulì**

Università del Salento, Dipartimento di Storia, Società e Studi sull’Uomo

92538 battutePDF

Abstract

Questo contributo intende offrire una ricostruzione critica del dibattito relativo agli effetti della deregolamentazione del mercato del lavoro sull’occupazione e la crescita economica. Verrà evidenziato che la visione dominate, secondo la quale le politiche che accrescono la flessibilità del lavoro riducono il tasso di disoccupazione, è estremamente discutibile sia sul piano teorico sia sul piano del riscontro empirico.


Keywords: labour flexibility, employment, economic growth


The aim of this paper is to provide a critical reconstruction of the debate on the effects of labour market deregulation on employment and economic growth. It will be shown that the mainstream view – i.e. policies devoted to increase labour flexibility reduce the unemployment rate – is highly desputable, both on the theoretical and on the empirical ground.

 Sommario. 1.Introduzione; 2. La visione dominante. 3. La precarietà come freno alla crescita: l’approccio postkeynesiano; 4. Un’analisi critica delle recenti politiche del lavoro in Italia; 5. Considerazioni conclusive; Bibliografia

 

Keywords: labour flexibility, employment, economic growth

 

 

1 - Introduzione

 

Almeno a partire dagli anni novanta, è diventata convinzione diffusa che l’elevata disoccupazione in Europa era (ed è) imputabile all’eccessiva rigidità del mercato del lavoro e del contratto di lavoro. Del tutto coerentemente con questa diagnosi, si è proceduto – con particolare accelerazione soprattutto in Italia – ad attuare politiche di progressiva precarizzazione del lavoro. Convenzionalmente, il grado di “flessibilità del lavoro” è misurato da un indicatore, elaborato dall’OCSE e denominato employment protection legislation, che fa essenzialmente riferimento alla libertà accordata alle imprese di licenziare con i minimi costi[1].

Continua su PDF

Fascicolo 1|2015

Torniamo ai fondamenti

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)