FASCICOLO 3 | 2015

1 FEBBRAIO 2016Al di là del giuridico

Gli intellettuali italiani dal fascismo all’antifascismo*

di Goffredo Fofi

37334 battutePDF

 

 

 

1) La mia generazione ha avuto la fortuna di potersi confrontare direttamente con i “vecchi” dell'antifascismo (nel mio caso, Bobbio, Capitini, Rossi-Doria, Levi, Ada Gobetti, Bilenchi e tanti altri, compreso lo stesso Parri) ma forse ha imparato molto di più dall’incontro con la generazione a quella successiva, che ha potuto considerare come quella dei fratelli maggiori e non dei padri. È da loro che ha appreso di più, per un rapporto diretto o indiretto con scelte condivisibili, nel contesto dell’Italia degli anni del dopoguerra. È peraltro la generazione che ha dato alla società italiana quell’impronta di vitalità e di intelligenza che, nelle scelte e nelle vocazioni individuali, non si è mai estraniata dalla cosa pubblica, che nel mentre perseguiva le sue scelte e teneva fede a vocazioni personali di artista o di studioso, non ha mai trascurato di riflettere sulla “cosa pubblica”, e di prendere posizione, nei migliori con una forte autonomia di giudizio. È questa generazione che ha dato alla storia della cultura italiana la sua vivacità, imprimendo il suo segno agli anni del dopoguerra fino agli anni Settanta e ancora agli Ottanta, quando ha cominciato a morire, in un'Italia che andava mutando radicalmente. Penso a Calvino, a Pasolini, a Fortini, a Sciascia, a Bianciardi, a Fellini, a Dolci e a tanti altri, con i quali si è potuto ragionare – nel mio caso, direttamente con molti di loro e attraverso la lettura di libri e articoli con altri – cosa era stata la loro esperienza del fascismo, che segno aveva lasciato nella loro vita e nella loro faticata conquista di un pensiero non condizionato. Io credo che si capisce il fascismo se ci si mette dal punto di vista di coloro che sono nati e cresciuti sotto il fascismo, che non hanno avuto esperienza del prima e che non hanno avuto la libertà, la possibilità di confrontarsi con l'esperienza internazionale, con forme di società non autoritarie e totalitarie.

Continua su PDF

Fascicolo 3|2015

Le trasformazioni della forma di Stato. Rappresentanza, governabilità, partecipazione

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)