FASCICOLO 1 | 2016

13 GIUGNO 2016Solidarietà

Il racconto della fraternità

di Eligio Resta

Professore emerito di Filosofia del Diritto - Università degli Sudi di Roma Tre

35337 battutePDF

Abstract

Una riflessione sulle implicazioni e i paradossi della fraternità e della solidarietà, quando tali idee siano inscritte nei tessuti normativi delle Costituzioni nazionali.

A reflection on the implications and paradoxes of fraternity and solidarity, when such ideas are part of the normative fabric of the national Constitutions.

Sommario: 1. Metamorfosi. -  2. Fratelli nemici. – 3. Spartire l’incommensurabile. – 4. Nascita e Stato. – 5. Con-iuratio. – 6. La fraternità e le sue leggi.                            

 

Come per la “comunità di coloro che non hanno comunità”, la solidarietà , nel suo punto più alto, si esplica fra “estranei”. Valeva anche per l’idea degli “amici”, “conosciuti e non conosciuti” (scrive Blanchot) a ribadire che vi è sempre una quota in-confessabile, in-visibile, che fa insieme da fondamento e da cornice all’idea di “comunità politica”. In un linguaggio più semplice la domanda che si pone è fra chi si è (e si deve essere) solidali o fra chi si è amici. E questo, come è noto, è anche l’interrogativo che precede ogni discorso sulla fraternità. Il discorso scivola dal piano strettamente speculativo a quello più apertamente normativo. Cosa vi è dietro l’idea dei doveri di solidarietà (rigorosamente al plurale) delle nostre costituzioni moderne o cosa si nasconde dietro il “dovere di fraternità” richiamato nell’art. 1 della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo del 1948? Si sa, del resto, che quella delle Costituzioni è una delle ultime “grandi narrazioni” del moderno e che ogni dottrina della Costituzione implica una antropologia  di fondo e persino un modello cognitivo, come il costituzionalismo tedesco ci ha insegnato. In questo complesso racconto, spesso dimenticato o tradito, un posto singolare è occupato dall’enigma della solidarietà fraterna o dalla fraternità solidale; da prendere sul serio a patto che se ne rendano visibili problemi e paradossi di cui sono cosparse. Ha ragione S. Rodotà quando ne parla come di uno dei “modi di declinare l’universale”, così cariche di forme simboliche e di progetti politici concreti

Continua su PDF

Fascicolo 1|2016

Tornare ai fondamentali: la solidarietà

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)