FASCICOLO 1 | 2017

25 APRILE 2017Riforme e democrazia costituzionale

Le riforme istituzionali dopo il referendum

di Giovanni Di Cosimo

Professore ordinario di Diritto costituzionale - Università degli Studi di Macerata

105345 battutePDF

Abstract

Per migliorare il rendimento del sistema istituzionale bisognerebbe intervenire sui meccanismi che necessitano di manutenzione alla luce della prassi. In questa prospettiva il saggio evidenzia le principali correzioni ordinamentali che potrebbero essere realizzate per mezzo di puntuali modifiche normative.

The Italian Parliament has to change some institutional mechanisms in light of the political experience to improve efficiency on government. To this end, the paper points out some necessary changes in the institutional, procedural and constitutional rules that need to be implemented in the next period.

  

       Sommario: 1. Metodo; 2. Merito; 3. Obiettivi impropri; 4. Manutenzione istituzionale; 5. parlamento e Governo; 6. Bicameralismo; 7. Legge elettorale; 8. Stabilità; 9. Rappresentanza; 10. procedimento legislativo; 11. Centro e periferia; 12. Legge e Costituzione.

 

1.        Metodo

 

 

La questione del rinnovamento delle istituzioni repubblicane resta aperta anche dopo il 4 dicembre 2016. Il referendum ha bocciato una certa proposta di revisione costituzionale, ma sarebbe sbagliato pensare che sbarri la strada a qualsivoglia futura riforma istituzionale. Del resto, l’insoddisfazione per il rendimento di alcuni meccanismi ordinamentali è largamente diffusa e i difetti di funzionamento sono stati, e continuano ad essere, ampiamente indagati (fermo restando che solo una parte dei problemi è riconducibile alle regole ordinamentali, e che il resto dipende da altri fattori, in particolare dal comportamento degli attori politici[1]). Il significato del referendum, di cui occorre tener conto se si vuol rimettere in moto la macchina delle riforme istituzionali, è dunque più ristretto, ma pur sempre rilevante, sia sul piano del metodo che su quello del merito[2].

Continua su PDF

Fascicolo 1|2017

Le riforme in una democrazia costituzionale

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)