FASCICOLO 2 | 2017

23 OTTOBRE 2017

Divieto di mandato imperativo e disciplina dei gruppi parlamentari

di Eleonora Rinaldi

Ricercatrice confermata di Istituzioni di diritto pubblico - Università degli Studi “La Sapienza” di Roma

237952 battutePDF

ABSTRACT

ITA

Il saggio, dopo aver ripercorso le origini storiche del divieto di mandato imperativo, analizza l’evoluzione dei rapporti tra principio del libero mandato parlamentare e disciplina dei gruppi parlamentari nella Costituzione repubblicana. A questo fine, esso si sofferma sulle modifiche apportate ai regolamenti parlamentari a partire dagli anni Ottanta e su come la retorica della c.d. democrazia decidente abbia determinato un’impostazione sempre più rigida e gruppo-centrica dei lavori parlamentari. Tale impostazione ha ridimensionato infatti drasticamente le prerogative del singolo parlamentare in fase di partecipazione alla discussione, nonché la facoltà spettante a quest’ultimo di discostarsi dalle direttive del gruppo di appartenenza.

EN

After examining its historical origins, the essay analyses the evolution of the relationship between the parliamentary mandate and the regulation of political parties in Italian Parliament. To this end, it focuses on the amendments to parliamentary regulations since the 1980s and on how the rhetoric of the so called “democrazia decidente” has led to an increasingly rigid and parties-centred approach to parliamentary work. Such an approach dramatically reduced prerogatives of Members of Parliament during the debate and their faculty to depart from directives of the Party.

 

Sommario: 1. Prologo: Le procedure parlamentari al crocevia tra il diritto costituzionale e la politica; 2. Sulla storia del libero mandato parlamentare: qualche precisazione preliminare; 3. Mandato parlamentare e democrazia di massa; 4. Libero mandato parlamentare e disciplina di gruppo nella Costituzione repubblicana. Il diritto parlamentare della fase “consociativa”; 5. Il diritto parlamentare della “governabilità”; 6. Segue. Gli anni Novanta; 7. Divieto di mandato imperativo e disciplina di gruppo nell’era del post-maggioritario.

Continua su PDF

Fascicolo 2|2017

Mediazione politica e compromesso parlamentare

 


Leggi la procedura di valutazione.

Il gruppo di persone che ha promosso questo sito si propone di sollecitare il dibattito tra gli studiosi delle diverse discipline interessate alle ragioni del costituzionalismo, operando entro una prospettiva dichiarata. Il nostro 'punto di vista', le specifiche ragioni di politica culturale e la professione di metodo alla base di quest'iniziativa sono rese esplicite in due editoriali Le ragioni di una rivista nuova, di Gianni Ferrara e Le ragioni di un impegno nuovo, di Gaetano Azzariti... (continua)

 
ISSN: 2036-6744 | Costituzionalismo.it (Roma)